Fake identity

Come molti sanno, è in via di installazione Windows 11. Tra le novità, la possibilità di utilizzare – chissà perché… – roba del mondo Android. Ed ecco che, come se niente fosse, c’è chi dà del tutto serenamente indicazioni per aggirare le identificazioni previste.

Del resto, il consumo compulsivo a fini di cazzeggio con fornitura ai gestori del servizio di dati falsi è alla base dell’uso di Facebook, WhatsApp, Tik-Tok e via (de)socializzando prima della soglia di età minima prevista dalle norme vigenti. Che qualcuno considera una pratica di libertà.

Che tristezza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.