Internet, la condivisione dei pensieri, la libertà di espressione e la democrazia appesa ad un post

Molti oggi (19/02/2019) staranno rimpiangendo la Pravda, altri si staranno chiedendo se è etico lasciare ad un form su Joomla la possibilità di decidere il futuro politico di una nazione, e poi che dire della “bestia” che intercetta i trend topics e il sentire della “ggente” meglio delle passeggiate al mercato dei politici di altri tempi?

Così, come ampiamente previsto, Internet ha cambiato anche il modo di fare politica. Come nel Macbeth i risultati delle previsioni, però, potrebbero non essere quelli che ci aspettavamo, almeno non per tutti. Comunque la pensiate l’ennesima profezia sul web si è avverata: più partecipazione più condivisione più confusione!?! ma non era proprio così che doveva finire?

Forse è ora di dire ai nostri ragazzi di iniziare a scrivere sul web cose sensate perché i politici seguiranno quei post, e di dire ai nostri coetanei di non temere la profilazione degli utenti perché non sempre questa sarà usata contro di noi…

Occhio che se, però, continuiamo a scrivere fesserie e ad insultare il prossimo sui social quale idea si farà di noi l’intelligenza artificiale? e, di conseguenza, chissà quali azioni suggerirà ai nostri politici connessi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.