McDonald offre wireless gratis…finalmente!

L’accesso ad internet gratuito è un esperienza per ora riservata ai paesi invia di sviluppo. Nel mondo occidentale le connessioni wi-fi pubbliche di solito costano care con tariffe dai 5 euro alle 5 sterline all’ora che tengono ben lontani gli utenti. Le connessioni wireless nei 1200 locali inglesi (15000 nel mondo) sfideranno non soltanto il modello Starbucks americano ma anche, e soprattutto, e le varie reti civiche quasi sempre a pagamento.

Leggi tutto “McDonald offre wireless gratis…finalmente!”

Una scuola fa il record di distanza per il wi-fi: 382 Km!

Ermanno Pietrosemoli, presidente della Fondazione Escuela Latinoamerica de Redes, in Venezuela ha attivato un ponte radio tra due computer distanti tra di loro ben 238 miglia!

Il record è stato realizzato utilizzando apparati di produzione Intel in grado di pilotare la direzione del segnale (steering antenna) per seguire la curvatura terrestre ed evitare ostacoli. Il ponte radio sembra funzionare perfettamente!

Questo ed altri test sulle lunghe distanze confermano il Wi-Fi come standard in grado di competere seriamente con il Wi-Max se non sull’affidabilità sicuramente sui costi di gestione e installazione decisamente più bassi.

Leggi tutto “Una scuola fa il record di distanza per il wi-fi: 382 Km!”

Petizione on line per il WiMax libero

Il WiMax è una tecnologia che permette di trasmettere e ricevere segnali senza fili a distanze di decine di chilometri. Elimina l’ ultimo miglio e consente alle zone sotto il digital divide di rendersi indipendenti e collegarsi a Internet. Se il sistema delle licenze WiMax finisse nel monopolio dei gestori telefonici potrebbe ripetersi quanto già accaduto per le frequenze UMTS che, a causa di tariffe elevate ed a consumo, sono inutilizzabili per la connessione ad internet.

La petizione (che conta già più di 70.000 sottoscrizioni) chiede che almeno 1/3 delle frequenze venga riservato ai cittadini per associazioni senza fini di lucro, come i comuni e gli enti locali, e senza alcuna tassazione diretta o indiretta.
http://www.petitiononline.com/wmaxfree/

Leggi tutto “Petizione on line per il WiMax libero”

Ecco come sarà il WiMax italiano

In dirittura di arrivo il bando per le concessioni delle frequenze per il WiMax , il nuovo standard Wireless che consentirà di portare la larga banda nelle zone non coperte dai servizi via cavo. In Italia verranno assegnate al WiMax  soltanto i 3/4 delle frequenze che l’Ue riserva al WiMax  (150Mhz anzichè 200) ma la formulazione del bando dovrebbe dare spazio ad una dozzina di operatori nazionali e ad altri 20 operatori assegnati direttamente dalle regioni.

Leggi tutto “Ecco come sarà il WiMax italiano”

Milano capitale del Wireless

Da sempre Milano è la città Italiana con più “hot spot gratuiti” a causa dell’elevato numero di uffici e abitazioni che, per la gioia degli appassionati di Wardriving, non proteggono adeguatamente le loro reti WiFi.

Ma ora, grazie ai fondi della Banca Europea degli Investimenti, si realizzerà Milano Wireless, una rete di 15mila punti di accesso WiFi per coprire, entro 3 anni, l’intera metropoli con un servizio prevalentemente gratuito! La mappa dei luoghi di accesso prevede 700 incroci, 300 scuole e università, 140 centri sportivi, 30 biblioteche, 80 centri per anziani, 100 siti di interesse turistico, 50 giardini pubblici e parchi, tutte le fermate ATM e MM e altri luoghi della città.  

Leggi tutto “Milano capitale del Wireless”

Soru vuole il WiMax nei piccoli comuni sardi

Il governatore della Sardegna accelera sulla connettività Wi-Max e va a Roma per incontrare il ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni. Ad essere interessati all’iniziativa per primi saranno con ogni probabilità i comuni sotto i duemila abitanti, quelli che oggi sono perlopiù tagliati fuori dalla connettività veloce, in Sardegna come in quasi tutto il resto del paese.

Pubblicato mercoledì 31 gennaio  2007 su

[lib align=left type=image]http://www.dschola.it/images/library/puntoinformatico.gif[/lib]
Leggi tutto “Soru vuole il WiMax nei piccoli comuni sardi”

Il WiMax all’Italiana ci costerà caro?

Un accordo di fine anno tra il ministro della Difesa e quello delle Comunicazioni ha finalmente sbloccato, anche in Italia, le frequenze per il WiMax, la tecnologia senza fili per l’accesso ad internet alternativa alle soluzioni via cavo e Dsl. A partire da giugno 2007 verranno resi disponibili più lotti di frequenze nella banda compresa tra 3.4 e 3.6 GHz.

Ma attenzione: non si tratterà di una liberalizzazione (così come era accaduto per il Wi-Fi) ma di un bando per l’assegnazione delle frequenze agli operatori di telecomunicaizoni. Potrebbe, quindi, essere una operazione simile alla gara per l’UMTS che  ci ha portato ad avere tariffe di navigazione proibitive e inutilizzabili.

Leggi tutto “Il WiMax all’Italiana ci costerà caro?”

Il wireless alleato della videosorveglianza

Sono e saranno sempre di più i comuni e le reti civiche in grado di realizzare operazioni congiunte di infrastrutturazione wireless e di installazione di telecamere. Il wireless, e comunque le reti dati, consentono connessioni a basso costo per l’installazione dei servizi di videosorveglianza tanto richiesti per garantire la sicurezza dei cittadini.

Così, ancora una volta, una tecnologia pensata inizialmente per distribuire ai cittadini il libero accesso all’informazione viene utilizzata contro i cittadini stessi per spiarli anche se con il nobile scopo di proteggerli…

Leggi tutto “Il wireless alleato della videosorveglianza”

Chi ha paura del Wi-Fi

Continua sul web e sulle agenzie di stampa la campagna di disinformazione sul Wi-Fi. Le ultime notizie parlano di associazioni dei genitori che hanno gia’ ottenuto la rimozione delle reti informatiche wireless installate in alcune scuole. Lo stesso è successo qualche mese fa alla Lakehead University (Canada). La motivazione è sempre la stessa: si temono radiazioni nocive per la salute. Si temono? Nessuno che queste “radiazioni” le abbia veramente misurate?

Ebbene nell’archivio di Dschola ci sono due articoletti che, misure alla mano, spiegano perchè queste misteriose onde radio (non radiazioni) non sono nocive per la salute.

Leggi tutto “Chi ha paura del Wi-Fi”

Nokia propone nuova tecnologia wireless Wibree

Wibree è un nuovo standard wireless promosso da Nokia www.wibree.com  in grado di affiancare il Bluetooth e di anticipare il Wireless USB con l’obiettivo di connettere una maggiore gamma di dispositivi e di ridurre l’energia consumata dal dispositivo wireless.

Grazie al basso consumo ed alla tecnologia aperta le ambizioni di Nokia sono di collegare in wireless i dispositivi più diversi e inusitati, superando il successo delle attuali tecnolgie wireless.

Leggi tutto “Nokia propone nuova tecnologia wireless Wibree”