Configurazioni

La realizzazione di un GreenLab è un evento epico per una scuola: si toglie uno zero alla spesa, si rende di nuovo affascinante il laboratorio e si fa un salto in avanti di 15 anni sul piano tecnologico.

Necessario:

  • Un monitor da 22-24 pollici full Hd con ingresso HDMI, volendo altoparlanti integrati  (costo 80-150 euro)
  • Tastiera e mouse senza fili con ricevitore USB (10-20 euro)
  • Mini PC Android (35-90 euro)

Il monitor è un componente molto importante e relativamente economico, risparmiando sui PC vale la pena puntare su schermi molto grandi e con risoluzione full HD. Se avete esigenze particolari (elaborazione foto/video) e spazio si può arrivare anche a schermi da 32 pollici che costano 200 euro cadauno.

Specifiche tecniche mini PC:

  • Almeno 2 porte usb (una usata per ricevitore tastiera e mouse)
  • Bluetooth
  • Wi-Fi
  • Scheda di rete Gigabit
  • Uscita Video hdmi 4k
  • Minimo 2 giga di ram
  • Scheda video 4K HD
  • 16-32 giga di storage (equivalenti all’hard disk interno ma in tecnologia SSD)
  • Processore minimo quadcore (meglio 8)
  • Play Store di Google abilitato (per installare le APP)

Come prepararli (bastano 5-10 minuti a PC):

  • Su ogni computer, senza creare account google si caricano le app (da chiavetta o storage); oppure si usa un account del laboratorio per sincronizzare le app e poi, prima di utilizzarli, si rimuovono tutti gli account
  • Non serve blindare i PC, l’assenza di un account impedisce l’aggiunta di APP non desiderate
  • Da menù impostazioni c’è sempre l’opzione di ripristino di fabbrica che in un minuto reimposta al nuovo il PC
  • Se durante la digitazione su tastiera compare la tastiera a schermo (come sui tablet) aggiungere l’app NULL Keyboard e impostarla come predefinita
  • Ricordarsi di mettere Office, l’originale o un suo equivalente come l’ottimo WPS Office in modo da rimanere perfettamente compatibili con i vecchi PC
  • Il browser è già installato e non serve aggiungerne altri

Come acquistarli

Monitor, tastiera e mouse possono essere acquistati in maniera convenzionale. I mini PC non si trovano ovviamente sul MEPA e il loro principale mercato è online. Per essere acquistati richiedono un pochino di pazienza in più ma il costo stracciato dovrebbe mettere a tacere qualsiasi pavido burocrate. Il prezzo di acquisto è talmente basso che si può anche procedere senza gara.

In qualsiasi caso, con gara o senza conviene acquistarne uno on-line per provarlo prima (il costo è talmente basso che si può provare), una volta verificata la bontà del prodotto procedere con la gara inserendo le specifiche tecniche del modello richiesto. Tra tutte le specifiche non bisogna mai dimenticare il sistema operativo.

Esempio:

Mini PC Nettop, processore minimo quad core, scheda video 4k HD, minimo 2GB Ram, storage a stato solido da minimo 16GB, minimo 2 porte usb, WiFi, Ethernet, Alimentatore, Cavo HDMI, Sistema Operativo Android con playstore di Google.

Anche in caso di bando PON, de specifiche di questi mini PC sono tali da non farli per nulla sfigurare. Trattandosi di finanziamenti sostanziosi potremmo spostarle in alto:

PC Nettop, processore 8 core, scheda video 4K HD, minimo 4GB Ram, storage a stato solido da minimo 32GB, minimo 2 porte usb, WiFi, Ethernet, Alimentatore, Cavo HDMI, Sistema Operativo Android con playstore di Google.

Un PC tradizionale con 8 core ci costa almeno 1000 euro, un Mini PC con 8 core e Android costa 100 euro… e le prestazioni nelle applicazioni didattiche sono quasi equivalenti! Provare per credere!

Questo vuol dire che potremmo moltiplicare per 10 il nostro investimento! Pensiamoci

 

No votes yet.
Please wait...
Powered by: Wordpress
Vai alla barra degli strumenti