E’ disponibile per lo scaricamento immediato da Internet il modello tridimensionale ufficiale della Città di Torino, ospite dei giochi olimpici invernali. Il Comune di Torino, Divisione Infrastrutture e Mobilità, e la Fondazione Ultramundum propongono un software gratuito interattivo per PC in grado di far esplorare in tre dimensioni la città via Internet.

COME: grazie all’uso di una nuova tecnologia che consente lo scaricamento veloce di complessi ambienti virtuali direttamente sul proprio personal computer.

DOVE: a Torino, città che ospita i giochi olimpici invernali e, tramite Internet, in ogni casa o ufficio del mondo.

QUANDO: a partire dall’inaugurazione dei giochi invernali e per tutto il mese di Febbraio.

PERCHE’: per consentire a tutto il mondo di entrare letteralmente nelle olimpiadi e conoscere a fondo la città che le ospita. La cosa più vicina ad esserci veramente.

 

ll modello e’ immediatamente scaricabile da questo indirizzo
Immagini disponibili

Contatti:

Fondazione Ultramundum
v. la Salle 117 10095 Grugliasco (TO)

Massimo Musso Grandi, Ufficio stampa
mussograndi@ultramundum.org
+393494224232

Abstract: plastico Interattivo Digitale della città di Torino

Un modello completo tridimensionale della città di Torino e delle cittadine satelliti, accessibile via Internet ed utilizzato dal Comune di Torino per la promozione olimpica

La Fondazione Ultramundum, nell’ambito della diffusione della propria tecnologia UltraPeg per la fruizione di mondi virtuali on-line, ha realizzato, con sponsorizzazione del Comune di Torino, il P.I.D. (Plastico Interattivo Digitale) della città di Torino. Il modello consente l’esplorazione libera interattiva e tridimensionale su normale personal computer di tutta l’area indicata. Il PID è realizzato completamente in open source e le Tabulae (gli elementi alla base della tecnologia utilizzata) sono liberamente accessibili e modificabili da chiunque.

 

Torino diventa così la prima grande città a dotarsi di un modello completo tridimensionale pubblico esplorabile in tempo reale. Fino ad oggi, solo porzioni di città o piccole cittadine erano state realizzate con queste tecnologie, dato il carico proibitivo di dati da elaborare per generare un modello tridimensionale di un’area che conta centinaia di migliaia di edifici, come nel caso di Torino e dintorni.

Il PID della Città di Torino consente l’esplorazione su di un comune personal computer dotato di una moderna scheda video. Non sono necessarie macchine di potenza fuori dal comune. Grazie alla tecnologia UltraPeg brevettata dalla Fondazione, il PID di Torino offre un volo interattivo su tutta la città con la possibilità di scendere fino al livello di ogni singola strada e passeggiare tra gli edifici. Alzandosi, la velocità di traslazione aumenta proporzionalmente consentendo un’esplorazione molto
semplice e naturale. Ogni edificio della città è presente, con un prisma che ne definisce esattamente l’impronta al suolo e ‘altezza. Il volume è quindi modellato perfettamente.

In questa prima fase, sono stati inseriti i modelli puntuali, ad elevatorealismo, di alcuni monumenti importanti della città. Nella seconda fase, in corso si sviluppo, ogni edificio sarà rappresentato in odo del tutto realistico.

In collaborazione con il settore mobilità del Comune di Torino, sono state inserite le aree olimpiche onde consentire una visione delle stesse, rapportate all’intera città. Sono presentati anche i percorsi consigliati per giungere in tali aree provenendo dall’esterno.

In tal modo, il PID ha trovato un primo utilizzo per la comunicazione della città prima e durante l’evento delle olimpiadi invernali. Molti altri usi sono possibili e verranno presentati, con applicazioni nel campo della progettazione e pianificazione, del turismo, dello studio e
della promozione dell’immagine della città.

Il PID, infatti, non è un software chiuso ma una piattaforma, utilizzabile in svariatissimi contesti ed espandibile e modificabile a piacere. Tutto il materiale sarà aperto ed accessibile e/o modificabile da chiunque. Nell’archivio software del sito della Fondazione sarà pubblicato il tutto completo di documentazione. Le Tabulae, le strutture dati alla base della tecnologia UltraPeg della Fondazione Ultramundum, possono contenere molteplici tipologie di dati. Nel caso del PID della città di Torino, le informazioni sulle disposizioni degli edifici, lo stradario, le disposizioni delle aree olimpiche e schematismi specifici sono stati importati da file Autocad e altri database.

L’importatore da file autocad, denominato UltraTools, consente di procedere in modo molto veloce e quasi automatico all’acquisizione di database pubblici, convertiti in brevissimo tempo in elementi tridimensionali visualizzabili ed esplorabili a piacere.

 

No votes yet.
Please wait...