La privacy dei matusa contro i giovani eroi del web

In questi giorni, un documentario televisivo sui “segreti” di Google, Facebook, YouTube e del Web 2.0,  ha provocato molte critiche e polemiche. Il Report, in realtà, non svelava nulla di nuovo: dire che un server web memorizza tutti i nostri dati è come dire che l’automobile è spinta dal motore. E’ più una questione tecnica che filosofica: niente server = niente servizi su Internet. Chi non si fida è liberissimo di attivare un proprio server a pagamento e non usare i servizi gratuiti delle “multinazionali cattive”.

Ma la cosa davvero più inquietante era sentire i vari esperti in materia di privacy e sicurezza del vecchio continente pretendere il rispetto assoluto della privacy per piattaforme come Youtube e Facebook.

Chiedere a Facebook di rispettare la privacy è come chiedere ad un aereoplano di volare senza ali o a una moto di correre senza ruote… è una richiesta contraria allo scopo stesso del progetto. Facebook, Youtube e simili sono piattaforme appositamente pensate per la condivisione dei contenuti pubblici. Pubblico non vuol dire privato, condividere non vuol dire secretare ma neanche lasciarsi spiare… sono concetti per noi forse ancora troppo moderni.  La normativa sulla privacy dovrebbe, ad esempio, impedire alle compagnie telefoniche ed energetiche di chiamarci a casa a tutte le ore per proporci contratti e promozioni piuttosto che metterci nei guai se condividiamo emozioni e ricordi con chi vogliamo.

Ma il vero problema è che i cavilli legulei del vecchio continente stanno, di fatto, impedendo a progetti come Google, Youtube, Twitter e Facebook di svilupparsi anche da noi. Ci abbiamo mai pensato? Perchè certe aziende giovani nascono solo oltreoceano? Facebook non poteva nascere in un nostro liceo?

In Europa i giovani talenti come Mark Zuckerberg, Biz Stone, Evan Williams, Larry Page e Sergey Brin,  finirebbero nei guai legali prima ancora di  riuscire a rientrare delle spese! Invece in America questi giovani ce la fanno, le loro idee hanno successo, diventano super mega miliardari, danno lavoro a migliaia di persone, cambiano il mondo e… vanno a cena con Obama.

Laboratorio di Robotica alle OGR di Torino

Robotica alle OGRMCE vi invita a partecipare al Laboratorio di Robotica che si terrà presso le Officine Grandi Riparazioni di Torino Corso Castelfidardo 22 il 7 aprile dalle ore 17 alle ore 19,30.

Il laboratorio fa parte delle iniziative del 150° dell’Unità d’Italia del Forum dell’Educazione e della Scuola ed è stato organizzato da MCE Torino e Casa degli Insegnanti.

Sono previsti altri due momenti di laboratoriio il 16 giugno e il 20 settembre sempre alle OGR. Inviate la vostra iscrizione scrivendo all’indirizzo segreteria@mcetorino.it.

M.C.E. Torino – Via Thouar, 8/2 – 10149 Torino sito internet http://nuke.mcetorino.it/ e-mail segreteria@mcetorino.i

Leggi tutto “Laboratorio di Robotica alle OGR di Torino”

Introduzione alla Robotica Educativa, Seminario gratuito

Riceviamo da Emanuele Mattei questa segnalazione che riportiamo:

Il 23 settembre 2010 presso l’istituto comprensivo B. Lorenzi di Fumane (VR) si svolgerà un seminario gratuito aperto ai docenti delle scuole.

Ritengo l’iniziativa molto ma molto interessante, complimenti di nuovo alla Scuola di Robotica, per queste splendide iniziative.

Riporto il comunicato stampa completo, che trovate qui http://www.scuoladirobotica.eu/it/Item/179/Introduzione%20alla%20Robotica%20Educativa,%20Seminario%20presso%20IC%20di%20Fumane%20%28VR%29,%20%2023%20settembre%202010.html vi invito a partecipare.

Leggi tutto “Introduzione alla Robotica Educativa, Seminario gratuito”

L educazione ai tempi di internet: Nuova-mente Media – tra opportunità e rischi.

Lo scopo del Convegno è di mettere a fuoco il rinnovamento culturale che stiamo vivendo e di definire un approccio consapevole all’uso delle nuove tecnologie, valutandone i rischi come anche le straordinarie opportunità conoscitive.

Il Venerdì è dedicato a studenti delle quarte e quinte delle scuole secondarie di 2° grado, docenti di ogni ordine e grado, educatori, formatori, genitori, studenti universitari e a tutti gli operatori dei media, dell’informazione e dell’educazione. Il

Sabato è rivolto principalmente a psicologi, psicoterapeuti e studenti di psicologia e interessati alle tematiche psicologiche.

Venerdì 24 (9.00 – 16.30) Sabato 25 (9.30 – 13.00) settembre 2010

Torino – SSF Rebaudengo – Piazza Rebaudengo 22, Aula Magna Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Richiesta conferma partecipazione.
Disponibile free wi-fi e servizio di teleconferenza.
Ulteriori informazioni qui
 http://www.rebaudengo.it/index.php?option=com_content&task=view&id=252&Itemid=74
Leggi tutto “L educazione ai tempi di internet: Nuova-mente Media – tra opportunità e rischi.”

Scuola digitale: 355 eeepc agli alunni di un liceo italiano

Tutti gli alunni di una scuola italiana, il Liceo Melchiorre Gioia di Piacenza per la precisione, riceveranno un ASUS Eee PC per le proprie attività in classe ed a casa. In più, in ogni aula della scuola, sarà presente un notebook 15 pollici ASUS K50IJ che gli insegnanti potranno utilizzare per accedere e gestire il registro elettronico.  L’iniziativa segue l’esperimento dello scorso anno dove vennero forniti, alla stessa scuola, netbook EeePC per 63 classi.
Leggi tutto “Scuola digitale: 355 eeepc agli alunni di un liceo italiano”

Progetto Diderot, al via la sesta edizione

Torino, 19 set. – (Adnkronos) – Far scuola oltre alla scuola nella scuola. E’ l’obiettivo del progetto ‘Diderot’, promosso dalla Fondazione Crt e giunto alla sesta edizione, che anche per l’anno scolastico 2010-2011 si rivolge agli studenti piemontesi e valdostani delle scuole primarie e secondarie con l’obiettivo di arricchire l’esperienza formativa attraverso laboratori, lezioni e attivita’ di diverse discipline, dalla matematica alla musica, dalla tutela dell’ambiente all’educazione al diritto, all’economia.
Leggi tutto “Progetto Diderot, al via la sesta edizione”

TD – richiesta di contributi

La rivista Tecnologie Didattiche richiede contributi sul tema Tecnologie e inclusione.

TD 52 focalizzerà l’attenzione sulle problematiche legate all’uso delle TIC nei processi formativi ed educativi in situazioni di disabilità e di marginalità e disagio socio-culturale, nell’ottica di favorire un reale processo di inclusione. Sono invitati a contribuire esperti del settore provenienti dal mondo della ricerca, da quello scolastico e clinico.

Leggi tutto “TD – richiesta di contributi”

Applications for course in “Using video to support lifelong learning”

The course “Using Video to Support Lifelong Learning” is associated with   MEDEA Awards and will address issues to do with video as a learning tool and how best to use video at all levels of teaching and learning. IT will take place from 14 to 19 February 2011 in Leuven, Belgium and the deadline for application for this funding is 15/09/2010. For information about how to apply for funding in your country, contact your national agency: http://ec.europa.eu/education/programmes/llp/national_en.htm.

Funding to cover the full costs of participation including accommodation and flights is available through the Comenius/Grundtvig programme of the European Commission, full course details are available here: http://ec.europa.eu/education/trainingdatabase/index.cfm?fuseaction=DisplayCourse&cid=25524 .

Further information can be found in the attached brochure and through contacting Nikki Cortoos (ATiT): Tel: +32 16 284040, or email: Nikki.Cortoos at atit.be.

Leggi tutto “Applications for course in “Using video to support lifelong learning””

Inghilterra: la BECTA, l’agenzia per le nuove tecnologie, sacrificata

La prima vittima scolastica dei risparmi decisi dal governo conservatore-lib-dem è la BECTA, la celeberrima agenzia inglese per le comunicazioni e la tecnologia.  Il dirigismo della BECTA , agenzia mondialmente nota, molto coinvolta nell’organizzazione del salone annuo delle nuove tecnologia nella scuola BETT, è punito. La BECTA deve chiudere. Risparmio di 65 milioni di £ e perdita di 240 posti di lavoro.
Leggi tutto “Inghilterra: la BECTA, l’agenzia per le nuove tecnologie, sacrificata”