Workshop “Libri digitali” II edizione

Dopo il successo della I edizione del 28 ottobre 2016 in occasione della formazione degli Animatori Digitali del Piemonte ecco una replica del Workshop “LIBRI DIGITALI” organizzato da Associazione Dschola presso l’IIS “A. Castigliano” di ASTI.

“Il fatto che gli e-book ci siano non basta a garantirne la diffusione. Occorre che gli e-book siano ben visibili nell’ecosistema digitale, e che si lavori a promuoverne – e non a ostacolarne – la diffusione e l’uso.”

(Gino Roncaglia)

L’incontro è previsto per:

Martedì 4 aprile 2017
dalle ore 14.30 alle ore 16.30

presso l’Aula Magna dell’IIS “A. Castigliano” di Asti
Relatrice: prof.ssa Patrizia Vayola

La partecipazione al seminario è gratuita per tutti i docenti interessati; al termine dell’incontro verrà rilasciato attestato di partecipazione valido ai fini della formazione.

E’ possibile iscriversi al workshop tramite il seguente FORM ON-LINE entro lunedì 3 aprile 2017.

Il mondo della rete spiegato ai ragazzi

Cittadini di oggi e di domani (di Rodolfo Marchisio)

E’ in corso di distribuzione il 1 volume del il testo  Il mondo della rete spiegato ai ragazzi, cittadini di oggi e di domani, che lega le tematiche della cittadinanza e della Democrazia con quelle della rete e dell’uso delle TIC, nel contesto del mondo dei ragazzi e della scuola in particolare.
Il taglio è divulgativo e amichevole, ma documentato (basato sinora sulla lettura di 61 libri e decine di articoli, ricerche e studi).

Il libro è una mappa del mondo della rete e delle sue problematiche, indirizzato ai ragazzi, ai docenti e genitori anche non esperti, per costruire una cultura digitale – fatta di competenze digitali – che ci permettano di dominare la rete e non esserne dominati.
Il dialogo coi lettori
è aperto sul sito www.reteragazzi.it su cui saranno pubblicati gli aggiornamenti, il secondo volume (gennaio 2016) e su cui si potrà richiedere l’invio del libro, disponibile in 3 formati: .pdf, .mobi (per Kindle), .epub per gli altri lettori e i tablet.

Leggi tutto “Il mondo della rete spiegato ai ragazzi”

Librare: quando la lettura diventa smart e social

librare_logo

Libri intelligenti per città intelligenti, LIBRARE si presenta come un progetto all’avanguardia per valorizzare il patrimonio librario delle biblioteche scolastiche.

LIBRARE, infatti, si rivolge in prima istanza ai studenti e insegnanti presenti sul territorio della regione Piemonte per diffondere strumenti e conoscenze utili alla formazione dei lettori di domani. Docenti e alunni possono usufruire di due applicazioni dedicate, Librare e Librando , differenti ma complementari, per interfacciarsi con il sistema di biblioteche scolastiche e  “informali” presenti sul territorio.

librare

Le due core-applications di LIBRARE sono calibrate sui docenti e sugli studenti. I primi, attraverso Librare (sottolivello lato-client della piattaforma omonima, rivolto agli insegnanti), possono registrare e agevolare il prestito di libri, oltre a raccogliere informazioni preziose per l’organizzazione di attività didattiche comuni o individualizzate; i secondi, attraverso Librando (l’applicazione gemella, rivolta agli alunni), possono commentare e condividere le proprie impressioni sui libri in lettura all’interno di social network, oltre che ottenere dei suggerimenti e delle indicazioni su testi di loro interesse.

Leggi tutto “Librare: quando la lettura diventa smart e social”

Scuola digitale, rimandata a settembre (2015)

Slitta ancora una volta l’introduzione obbligatoria dei testi digitali nell’editoria scolastica. Per il ministro Carrozza, i tempi non sono ancora maturi. Se ne riparlerà nel 2015.
Il ministro all’Istruzione Maria Chiara Carrozza sta per presentare un nuovo pacchetto di misure al Consiglio dei ministri del prossimo 9 settembre. Spicca, secondo fonti informate dei fatti, una significativa revisione del noto decreto Profumo che di fatto allungherà i tempi d’adozione dei testi scolastici in formato elettronico. Nello scorso luglio, lo stesso ministro all’Istruzione aveva incontrato i principali editori scolastici, sottolineando come l’accelerazione impressa all’introduzione dei libri digitali risultasse “eccessiva”.

Leggi gli articoli su Punto Informatico:
http://punto-informatico.it/3883581/PI/News/scuola-digitale-ancora-rimandata.aspx
http://punto-informatico.it/3855302/PI/Commenti/contrappunti-mostri-dell-e-learning.aspx

 

Il fantastico mondo dei TeleTablet

Galaxy Note II in azione a scuolaLi chiamano anche Phablet ma il termine che ci piace di più è TeleTablet. Sono telefonini con uno schermo talmente grande da sembrare dei tablet. In molti casi sono anche dotati di un pennino per prendere appunti e disegnare, risultando perfino più versatili dei tablet veri e propri.

Anche se l’oggetto dei desideri telefonici è sempre l’iPhone sto notando la propensione degli studenti ad avere gli schermi sempre più grandi: 5.5, 6 e anche 7 pollici, in effetti, non sono schermi irraggiungibili e costano meno di un melafonino.

Con schermi così grandi e con un pennino per prendere appunti, l’utilizzo didattico del TeleTablet è quasi scontato: ricerche in rete, libri digitali, produzione di elaborati e appunti diventano operazioni abbastanza agevoli e interessanti.

Per chi insegna o studia in una scuola superiore il TeleTablet può davvero essere un dispositivo rivoluzionario. Dal momento che gli studenti si dotano autonomamente dei telefonini alla scuola potrebbe bastare avere una buona connessione wi-fi e dare qualche direttiva sui dispositivi che è consentito (non obbligatorio) portare in classe per trasformare tutte le nostre classi in classi 2.0.

Ad esempio, al Majorana, attiviamo sulla rete wireless solo smartphone con schermo maggiore di 5 pollici proprio per incentivare l’uso di terminali adatti all’utilizzo didattico e non solo all’intrattenimento.

ipad 2 all’asilo

Negli Stati Uniti, il distretto scolastico di Auburn, nel Maine, ha deciso di spendere 200.000 dollari per acquistare centinaia di iPad 2 da distribuire ai bambini dell’asilo. L’obiettivo delle istituzioni è quello di favorire l’apprendimento dei bimbi permettendo loro di usare l’iPad 2 al posto di libri, quaderni, colori, giochi e altro materiale didattico.
L’esperimento prenderà il via con il prossimo anno scolastico, ma già l’opinione pubblica a riguardo si è spaccata in due sia online che sulla stampa.
Molti sostengono che questo device possa favorire e migliorare l’apprendimento dei bambini, mentre altri si chiedono se non sia la solita scorciatoia tecnologica per avviare anche i bambini più piccoli a un mondo di esperienze tutte inevitabilmente mediate da ‘electronic devices’ come tablet, cellulari, pc, touch screen.
Ma anche tra i professionisti del settore c’è divisione sui punti di vista, molti pedagoghi sostengono che le ultime generazioni sono nate nell’era digitale ed escludere i nuovi dispositivi informatici come iPad 2 dalle scuole è come chiedere ai giovani di non guardare la televisione a casa.
Altri, invece, obiettano che questo inevitabilmente penalizzerà esperienze formative più utili negli asili: dal gioco alla manipolazione di materiali, alla pittura ad altre attività ricreative e psicomotorie.

www.bitcity.it/news/21574/l-ipad-2-va-all-asilo.html
www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=151894

Scuola, tecnologie e libri digitali: due convegni per Piemonte e Lombardia

Milano 8 aprile  2011 “Convegno E-didattica. Tecnologie e contenuti digitali a scuola e in biblioteca”, organizzato dall’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia, Auditorium Giorgio Gaber, Palazzo Pirelli.
Nel pomeriggio, ore 15,30, il focus sui testi digitali:

Ulisse Jacomuzzi, Presidente del Gruppo Educativo – AIE
La voce degli editori
Noa Carpignano, editore BBN
Fuori testo: dalla pagina gutenberghiana all’ambiente per l’apprendimento
Maria Grazia Fiore, Università degli Studi di Foggia
Libri digitali e disturbi di apprendimento
Agostino Quadrino, direttore Garamond
Social learning nella scuola digitale
Giulio Blasi, responsabile MediaLibraryOnLine
Una piattaforma di prestito digitale per le scuole
L. Ferrieri, Direttore Biblioteca di Cologno Monzese
L’e-book nella biblioteca pubblica
B. Fiore, Università degli Studi Milano Bicocca
ICT e indagine OCSE PISA 2009

Occorre iscriversi e programma completo è scaricabile qu

Torino 9 aprile 2011 ore 10 presso l’Auditorium della Scuola Internazionale Europea Altiero Spinelli il convegno

Tecnologie didattiche e libri di testo digitali
Un incontro per gli insegnanti: stato dell’arte, possibilità, criticità, nuove proposte.

I relatori:

Elena Favaron, S.M.S. Guerrino Nicoli, Settimo Torinese
rappresentante del network “La scuola che funziona”
Davide Mana, Università Carlo Bo di Urbino
Noa Carpignano, BBN editrice
Maurizio Chatel, Liceo Altiero Spinelli
Maria Grazia Fiore, Università di Foggia

Dschola festeggia i 10 anni di attività all’ABCD di Genova

17 NOVEMBRE – FRA E-BOOK E MULTITOUCH
La scuola per i nativi digitali
ABCD – FIERA di GENOVA – SALA LIGURIA – 14.00/18.00 
Seminario Dschola sul futuro della scuola, il convegno sarà anche l’occasione per presentare esperienze e soluzioni che Dschola ha realizzato negli anni per favorire e sostenere l’introduzione delle ICT nella didattica,attraverso il racconto diretto dei suoi protagonisti.

DAL 17 AL 19 NOVEMBRE 2010 AD ABCD
Vi aspettiamo al nostro Stand al Padiglione B – primo piano, per illustrarvi i nostri progetti in modo più approfondito e provare alcune tecnologie innovative: la LIM di terza generazione, il Time Machine Visor e alcuni prototipi realizzati con Arduino.

Leggi tutto “Dschola festeggia i 10 anni di attività all’ABCD di Genova”

Dall’e-book alla LIM – Nuovi libri per una scuola digitale

Quando si parla di PC in classe gli esperti del settore minimizzano il ruolo dell’hardware e del software ponendo l’accento sul ruolo dei “contenutiâ€?. Ma quali siano poi questi contenuti nessuno veramente lo sa. Anche il significato esatto di e-book e di libro digitale non è definitivo ed è oggetto di ampie discussioni.

Ci sono, in effetti, alcune domande a cui è ancora difficile rispondere:

  1. Qual è il libro digitale ideale per una LIM, per un Tablet e per un Netbook?
  2. I testi in formato elettronico saranno la semplice trasposizione del cartaceo o sfrutteranno le enormi capacità  di calcolo e l’interattività  dei computer moderni?
  3. Il software didattico multimediale prenderà  il posto dei libri di testo o verrà  soppiantato dagli e-book?
  4. Libri digitali, software didattico, multimedialità  e 3D rimarranno prodotti distinti o convergeranno in una unica soluzione?

Se queste domande vi appassionano segnatevi questa data:

Giovedì 11 novembre 2010 ore 14.00
Dall’e-book alla LIM
Nuovi libri per una scuola digitale
Auditorium ITI Majorana – Grugliasco (TO)

Info e prenotazioni su: www.itismajo.it/prenota_ebook

Con Dschola scopriremo insieme il futuro ed il presente del libro scolastico digitale.