Negli anni ‘90 i marchi italiani della “New Economy” volavano in Borsa. Oggi sono quasi tutti falliti. Ma i loro inventori sono stra-ricchi, grazie a un gigantesco passaggio di denaro – miliardi di euro – dalle tasche di molti a quelle di pochi.

Trascorso un decennio,  “Il Fatto Quotidiano” fa un bilancio di questa avventura: la new economy italiana si è risolta in una collana di fallimenti e, mentre nel mondo si sono consolidate realtà immense come Google o Facebook, gli imprenditori italiani che in quegli anni hanno fatto più soldi si sono convertiti alla restaurazione analogica.

www.ilfattoquotidiano.it/2013/08/18/new-economy-cosi-bolla-italiana-del-digitale-e-finita-in-mutande/686213/

Buona Lettura

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.