Progetto Multinclude: be colorbrave!

La raccolta di buone pratiche che favoriscono l’inclusione nell’educazione è la prima fase delle attività svolta dal progetto Erasmus+ Multinclude. I partner hanno lavorato in questi mesi per individuare e descrivere iniziative che favoriscono,  nei diversi paesi del mondo, i giovani che appartengono a minoranze svantaggiate ad accedere all’educazione e a completare con successo il loro percorso educativo. Si tratta di studenti in svantaggio socio economico come nel caso del progetti italiani  E-VAi di Maestri di Strada e  Provaci Ancora Sam, oppure a iniziative che favoriscono l’apprendimento della lingua locale per profughi e migranti, come il progetto Uniclub dell’Universita’ dei Bambini di Vienna e tante altre iniziative che saranno presto descritte e pubblicate sul sito.

Ma cos’e’ che fa di una pratica –  una buona pratica e come puo’ una buona pratica diventare scalabile e replicabile? Di questo i partner hanno discusso nel meeting che si è svolto a Malta dal 22 al 24 ottobre: quello che è definito come il “pathway to success” ovvero “una strategia che migliori opportunitò e impatto nell’educazione a popolazioni diverse”.

In una tre giorni molto intensa  sono stati affrontati i  principali framework teorici dell’inclusione – Superdiversity, Inclusive Excellence, Student persistence and completion, Equity Score Card  –  e si è affrontato il concetto dell’inclusione con l’approccio “colorbrave” descritto da Mellody Hobson nel suo Ted Talks, ovvero non far finta che le differenze non esistano – “color blindness” , ma farle diventare ricchezza per trovare nuove soluzioni.

 

Nel prossimo futuro, si procederà a promuovere e diffondere le migliori esperienze con webinar, blog, MOOC ed eventi… per questo continuate a seguirci e avete ancora qualche settimana  per segnalarci il vostro progetto di inclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.