Il sito offre la possibilità di scambiare foto tra persone in tutto il mondo evitando le email. Il peertopeer è morto? Viva il peertopeer. Proprio nei giorni in cui Napster fa il suo ritorno sulla scena (questa volta, però, a pagamento), c’è chi ha avuto una geniale intuizione per utilizzare in maniera del tutto nuova questa potente tecnologia.


La startup americana OurPictures, infatti, ha da poco lanciato un servizio che promette di rivoluzionare il modo di scambiarsi le immagini digitali. Fino ad oggi le foto potevano essere condivise utilizzando la mail (ma gli attach pesano e spesso “ingolfano” le caselle di posta elettronica) oppure attraverso i siti Web.

L’idea dietro a OurPictures, www.ourpictures.com, impegnata in un periodo di test di tre mesi, è di permettere agli abbonati di inviare le proprie immagini ad altre persone, trasferendole direttamente da desktop a desktop.

Leggi tutto l’articolo

Pubblicato su RepubblicaPubblicato su: Repubblica
lunedì 31 maggio 2004