La matematica come creatività e gioco nelle scuole superiori. Matematica Senza Frontiere è l’edizione italiana di Mathématiques Sans Frontières nata nel 1990 nell’Alsazia del Nord a cura di Inspection Pédagogique Régionale de Mathématiques, REM (Institut de Recherche sur l’Enseignement des Mathématiques) e Académie de Strasbourg dal 1991 si è diffusa all’Alta Alsazia, alla Germania e, quindi, nel 1992 alla Svizzera e all’Italia. In Italia l’iniziativa è promossa dall’ Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia – Direzione Generale e dalla Direzione Generale degli ordinamenti del MIUR.

Come suggerisce il titolo della manifestazione, essa nasce per abbattere frontiere: tra le nazioni, tra le scuole, le imprese e le città. La competizione riguarda la classi di seconda e terza superiore che competono tra loro.

Una batteria di esercizi vari viene proposta agli alunni (10 nella seconda classe, 13 nella terza classe);il primo di questi esercizi è in lingua straniera e la soluzione deve essere redatta nella lingua scelta. La classe si organizza per risolvere gli esercizi entro un’ora e mezza e consegna un solo foglio-risposta per ognuno di essi. Durante la competizione la classe viene sorvegliata da un docente non di matematica.


La competizione si terrà il 24 febbraio 2005.


Ulteriori informazioni sul sito Internet