Information mapping
come supporto all’apprendimento e all’insegnamento
Tom Conlon
School of Education, University of Edinburgh

(traduzione di Paola Mattioda, paolamattioda@libero.it)


Sommario
Mappe concettuali (Concept maps), mappe per il web (web maps), mappe per argomentare (argument maps) e altre tipologie di mappe per l’informazione (information map), sono potenti strumenti per le classi che possono essere usati sia dai docenti che dagli studenti. Gli insegnanti possono creare mappe per l’informazione per pianificare l’insegnamento, preparare compiti e consegnare presentazioni. Gli studenti possono creare information map per scopi che includono la sintesi di argomenti disciplinari, il sostegno a discussioni e riflessioni, la relazione e la pianificazione dello studio autonomo. Le information map possono essere utili specie a quegli studenti che tendono a una forma di stile conoscitivo più “visuale”che “verbale”. Un prodotto secondario proficuo è il fatto che costruendo information map gli studenti sono probabilmente portati ad imparare tecniche di rappresentazione generali e “capacità di pensiero” trasferibili. Questo documento tratta a grandi linee una serie di applicazioni per costruire information map e spiega come queste possano essere valorizzate dall’utilizzo delle nuove tecnologie, in particolare del programma Conception per le information maps.


Information mapping
come supporto all’apprendimento e all’insegnamento
Tom Conlon
School of Education, University of Edinburgh
 
(traduzione di Paola Mattioda, paolamattioda@libero.it)
 
 
Sommario
Mappe concettuali (Concept maps), mappe per il web (web maps), mappe per argomentare (argument maps) e altre tipologie di mappe per l’informazione (information map), sono potenti strumenti per le classi che possono essere usati sia dai docenti che dagli studenti. Gli insegnanti possono creare mappe per l’informazione per pianificare l’insegnamento, preparare compiti e consegnare presentazioni. Gli studenti possono creare information map per scopi che includono la sintesi di argomenti disciplinari, il sostegno a discussioni e riflessioni, la relazione e la pianificazione dello studio autonomo. Le information map possono essere utili specie a quegli studenti che tendono a una forma di stile conoscitivo più “visuale”che “verbale”. Un prodotto secondario proficuo è il fatto che costruendo information map gli studenti sono probabilmente portati ad imparare tecniche di rappresentazione generali e “capacità di pensiero” trasferibili. Questo documento tratta a grandi linee una serie di applicazioni per costruire information map e spiega come queste possano essere valorizzate dall’utilizzo delle nuove tecnologie, in particolare del programma Conception per le information maps.
 
Introduzione
 
Si osservi la mappa concettuale nella Figura 1 dell’appendice. Produce significato? Possiamo vedere, in particolare, come questa rappresenti la stessa informazione del testo della casella della figura 2? Mappe concettuali e testi sono forme molto differenti di rappresentazione, ma entrambe in grado di esprimere la stessa informazione. La varietà delle possibili forme di rappresentazione, infatti, è molto estesa – si pensi, per esempio, a come la stessa informazione potrebbe essere colta in lingua francese, nel codice morse, con immagini, attraverso la logica matematica o in vari tipi di diagrammi.
Le rappresentazioni dell’informazione sono strumenti essenziali per pensare e imparare (Mckendree et al. 2002). La questione tuttavia di cosa rende valida una forma di rappresentazione non è semplice. Consideriamo le differenze tra testo e mappe concettuali. Ci si aspetta che un testo ubbidisca a una serie di richieste di regole che lo rendono lungo da preparare, ma esso è omogeneo e capace di esprimere grande sottigliezza e complessità. Impone inoltre una sequenza riguardo alle informazioni. Le mappe concettuali invece hanno pochi dettagli e sfumature, ma possono essere preparate velocemente e sono efficaci nel mettere in evidenza idee chiave. Esse occupano molto spazio fisico, ma forse incoraggiano un accesso più flessibile e non sequenziale all’informazione.
Quale forma di rappresentazione è migliore? La risposta dipende in parte dalla natura dell’argomento disciplinare e in parte dallo scopo che si ha in mente per l’uso della rappresentazione. Per esempio se l’obiettivo è quello di preparare una diapositiva per una presentazione in classe allora probabilmente le qualità visuali della mappa concettuale rendono migliore la figura 1. Per inviare l’informazione via mail è molto probabile preferire la rappresentazione testuale della figura 2 a meno che entrambi i soggetti della comunicazione siano particolarmente adatti a gestire oggetti grafici.
Per certi versi la questione di quale sia la migliore rappresentazione è soggettiva. Gli individui differiscono nelle forme di rappresentazione con le quali si sentono in sintonia e a proprio agio. Essi possono addirittura avere differenti modalità di pensiero o di stile cognitivo. Per esempio c’è una distinzione abbastanza documentata fra ‘i verbali’(verbalisers) che tendono a pensare con le parole e i ‘visuali’(visualisers) che pensano per immagini. La prestazione di un individuo nella risoluzione di un problema è legata al proprio stile cognitivo e può in parte dipendere dal fatto che il problema stesso sia presentato in forma testuale o grafica (Cox & Brna 1995).
La presenza nella stessa classe sia di verbaliser che di visualiser è una delle ragioni per la quale i docenti dovrebbero usare una molteplicità di forme rappresentative. Un’altra delle ragioni è quella di rafforzare le abilità di rappresentazione di ciascuno studente. Individui con pensiero critico efficace hanno un ricco repertorio di simili abilità – possono descrivere, riflettere e costruire modelli di informazione utilizzando una grande varietà di forme di rappresentazione. Per esempio, Cox & Brna hanno dimostrato che quando le persone raggiungono un punto morto o si bloccano mentre stanno risolvendo un problema, la capacità di riformulare la questione usando un differente tipo di rappresentazione può essere un modo efficace per proseguire.
 
Mappe per informare (Information maps)
 
In questo documento parleremo delle seguenti forme di rappresentazione riguardo all’apprendimento e all’insegnamento:
 
  • Mappe concettuali (Concept maps)
  • Mappe per il web (Web maps)
  • Mappe per argomentare (Argument maps)
  • Mappe per decidere (Decision maps)
  • Mappe per progettare ricerche (Project maps)
  • Mappe mentali (Mind maps)
 
 
Queste forme di rappresentazione appartengono ad una famiglia che è conosciuta con vari nomi come: reti semantiche, diagrammi simbolo-link, mappe di conoscenza o, con il termine da me preferito, information map. Come indicheremo, le information map possono essere utili per insegnare ed apprendere in contesti che abbracciano un’ampia gamma di età, ambienti e argomenti. Ogni tipologia di mappa ha i suoi specifici vantaggi che descriveremo in seguito. Tuttavia tutte le forme di information map sono ampiamente giustificate dalle stesse tre considerazioni che si riferiscono alla comunicazione, all’apprendimento e alla tecnologia.
La prima considerazione, già menzionata, è che i docenti hanno bisogno di strumenti di rappresentazione per comunicare informazione. Poiché nessuna modalità è oggettivamente la migliore e visto che gli studenti all’interno della stessa classe possono differire nel loro repertorio di rappresentazioni e stili cognitivi, la migliore strategia può essere fare un attento uso di forme di rappresentazione diverse . Le rappresentazioni grafiche sono necessarie tanto quanto il testo specialmente dal momento che i ragazzi vivono in una cultura sempre più per immagini (Horn 1998). Le information map sono rappresentazioni grafiche con utilità molto ampia.
La seconda considerazione è che molto probabilmente viene valorizzato l’apprendimento di argomenti disciplinari se si danno agli studenti le opportunità di costruire modelli di informazione usando queste forme di rappresentazione, così come altre. L’attuale teoria costruttivista dell’apprendimento rileva lo stretto legame tra il costruire modelli mentali interni (internal mental model) e l’elaborazione di modelli di informazione esterni (external information models) (Cox & Brna 1995). Rendendo visibile il pensare, il processo di costruzione di una information map può aiutare a capire, a raffinare, a comunicare concetti. I docenti possono supportare il processo fornendo varie forme di scaffolding e l’apprendimento può essere migliorato attraverso la discussione e la collaborazione fra compagni. In compenso sarà rinforzato il repertorio personale delle abilità di rappresentazione. Costruendo mappe sulla scienza, ad esempio, gli scolari non apprendono soltanto scienze ma anche la tecnica della mappa concettuale o dell’imparare ad imparare.
La terza considerazione è che sono adesso disponibili le tecnologie informatiche con le quali si possono creare mappe più produttive e divertenti. Persino più che il testo, le mappe per l’informazione tendono ad essere trattate come documenti di lavoro che si prestano ad ampie revisioni e nuove stesure. Con la tecnologia ‘carta-penna’questo potrebbe essere noioso e caotico. Programmi come Inspiration[1] e Conception[2] fanno per le mappe per informare quello che i word processor hanno fatto per la creazione di testi. Negli esempi descritti sotto spiegherò come usando Conception le information map possono aiutare a supportare l’apprendimento e l’insegnamento.
È tuttavia necessario un avvertimento. Questi sono i primi passi delle information map per le classi e molto rimane ancora da scoprire. Questa è una situazione stimolante per docenti creativi, ma significa anche che un documento come questo si limita a disegnare un’esperienza di esperimenti e ricerche in classe circoscritta. I suggerimenti che seguono intendono essere utili, ma richiederanno in  futuro sicuramente una ridefinizione.
 
Mappe concettuali (Concept maps)
 
Nella Figura 1 è già stato mostrato un esempio di mappe concettuali. In una concept map i simboli rappresentano concetti e perciò sono di solito etichettati con sostantivi o frasi sostantivate. I link rappresentano le connessioni e pertanto sono di solito etichettati con verbi o frasi con verbo. Questo significa che noi possiamo leggere una frase dichiarativa attraverso ogni coppia di simboli connessi. Le concept map sono probabilmente le meglio conosciute e di gran lunga la tipologia più studiata di information map. Per questa ragione, e anche perché molte delle tecniche e dei problemi sono rilevanti anche per gli altri tipi di mappe, le tratteremo in alcuni dettagli.
 
Mappe concettuali con Conception
 
L’elaborazione di una mappa concettuale con Conception inizia con la selezione dello stile di rappresentazione grafica preferito (stylesheet), diciamo per esempio Concept map normal (Figura 3). Ciò produce una finestra che contiene quattro strumenti di elaborazione: una penna (Pen), una gomma (Eraser), una freccia (Arrow) e una mano (Hand). La redazione di una mappa concettuale è per lo più realizzata trascinando e cliccando con lo strumento penna, con l’uso occasionale della gomma per cancellare gli elementi non necessari e della freccia per riordinare l’impostazione. È necessario notare che il trascinamento con la penna può partire da un’etichetta del link piuttosto che da un simbolo, e questo facilita la produzione di una rappresentazione meno confusa – per esempio, nella Figura 1, prima è stato creato il simbolo “ solid state” attraverso il trascinamento dal simbolo ‘H2O’, poi sono stati creati i simboli ‘Gas State’e ‘Liquid state’attraverso il trascinamento a partire dall’etichetta ‘can be’. Nella parte inferiore della finestra del programma è riportato qualche breve aiuto sull’utilizzo dello strumento in uso al momento. Gli utenti (studenti e docenti) si sentiranno a proprio agio con le operazioni di base del software dopo un breve periodo di prova. Anche se il software è offerto con una dettagliata guida online, può essere del tutto sufficiente l’aiuto sugli strumenti che compare in fondo.
Conception fa uso di rappresentazioni grafiche per determinare di volta in volta l’aspetto dei simboli tracciati. Per esempio con il modello Concept map normal il simbolo di default è a forma di stella e i simboli del livello successivo sono di forma ovale. Questo dà alle mappe una coerenza formale utile a molti scopi. In ogni caso la selezione dei colori, dei caratteri, e così via, può essere modificata usando il comando   ‘Edit attributes’. Invece di usare soltanto le forme base, i simboli possono essere selezionati da una collezione di svariate centinaia di immagini. Potenzialmente questa personalizzazione dell’aspetto delle mappe migliorerà non solo la loro memorizzazione, ma anche la motivazione alla loro costruzione come attività di classe.
 
Insegnanti e mappe concettuali
 
Gli insegnanti possono usare le mappe concettuali per supportare:
 
  • La preparazione all’insegnamento – nella messa in rilievo dei punti chiave nella struttura delle mappe concettuali, gli insegnanti possono favorire una completa comprensione dell’argomento disciplinare verso cui si indirizzeranno prima di decidere i metodi, i materiali di insegnamento e gli altri aspetti della programmazione. Il rischio in questo caso è di produrre una singola mappa concettuale molto grande e dettagliata. Come regola di massima, le singole mappe non dovrebbero contenere più dettagli di quanti possono essere stampati e resi chiaramente leggibili su un foglio formato A4. Conception offre tuttavia la possibilità a informazioni complesse di essere rappresentate su più mappe attraverso collegamenti ipertestuali. L’opzione ‘Link’del comando ‘Edit attributes’consente a ogni mappa di essere collegata in modo attivo ad un’altra, cosicché il primo livello della mappa, che offre una visione sintetica dei punti chiave, può contenere simboli i quali, quando cliccati, richiamano altre mappe che forniscono una visione degli argomenti secondari.
 
  • Produzione di sussidi visivi – le mappe concettuali possono fornire utili anteprime e rappresentazioni sintetiche dell’argomento disciplinare da usarsi come sussidi visivi e materiale da distribuire a mano . Esse sono in special modo preziose nel mostrare le correlazioni tra temi, aiutando gli studenti ad acquisire una comprensione integrata del materiale (‘the big picture’). Se sono utilizzabili un proiettore di dati o un monitor ampio, questi potrebbero essere usati unitamente alla presentation mode, simile a Powerpoint, di Conception. Questa modalità può mostrare versioni di mappe concettuali estese a tutto schermo, con la possibilità di evidenziare singoli simboli e di attivare collegamenti ipertestuali.
 
  • Compiti in classe e valutazioni – le tre principali categorie di compiti in classe con mappe concettuali sono le mappe Tabula rasa, le mappe scaffolded (strutturate) e le buggy map correction (correzione della mappa errata). Queste saranno descritte sotto. Sono stati inventati svariati schemi per mezzo dei quali le mappe concettuali sono utilizzate per scopi valutativi, includendo il metodo originale di valutare una mappa di Novak e Gowin (1984) effettuato attraverso l’assegnazioni di un punteggio per ognuna delle relazioni, gerarchie, collegamenti incrociati ed esempi corretti che essa contiene. Uno schema ideale deve ancora emergere. Conception fornisce un comando ‘List’che può estrarre le frasi dichiarative da una mappa e che può essere utile nella valutazione delle mappe – infatti, questo comando è stato usato per generare in modo automatico la Figura 2 dalla Figura 1. La validità delle frasi fornisce un utile controllo incrociato sulla correttezza della mappa.
 
Studenti e mappe concettuali
 
Come detto sopra, le attività sulle mappe concettuali per gli studenti possono essere classificate in tre categorie.
§         La mappa Tabula rasa (‘lavagna bianca’) implica la creazione di una mappa dal nulla, per esempio: ‘Disegna una mappa concettuale per riassumere che cosa hai capito delle lezioni della settimana sulle religioni del mondo’. Come in molti compiti aperti (‘open-ended’) alcuni studenti possono rispondere molto bene ad una simile sfida, ma altri possono confondersi. Inoltre le mappe che ne risultano possono mostrare enormi e idiosincratiche variazioni. Questo fatto non necessariamente è negativo, tuttavia se le mappe devono essere stimate ai fini della valutazione e del feedback, allora lo sforzo richiesto potrebbe essere considerevole. Un caso particolare di mappa tabula rasa è la sua utilizzazione come aiuto per la comprensione di un testo, per esempio:   ‘Leggi questo articolo e poi disegna una mappa concettuale per riassumere i suoi punti principali’. Questo può essere un approccio efficace, specialmente se la tecnica richiesta (p.e. una mappa concettuale derivata da un testo) è attentamente costruita come modello in precedenza dall’insegnante.
§         I compiti sulle mappe scaffolded sono quelli nei quali elementi della mappa sono forniti dall’insegnante, lasciando completare il resto agli studenti. L’intenzione è di procurare un supporto (senza dubbio sufficiente a prevenire le difficoltà) e di costringere il pensiero degli studenti in direzione produttiva. Questo inevitabilmente significa confinare entro certi limiti la loro libertà di espressione. Come sempre nell’insegnamento, è importante selezionare una struttura che sia adatta allo stadio di sviluppo dello studente. Un esempio di scaffolding molto ‘forte’è illustrato nella Figura 4 dove questo è essenzialmente un esercizio di riempimento dei vuoti . Lo scaffolding rappresentato nella Figura 5 è più ‘debole’. Conception facilita la produzione di compiti come questi e, infatti, entrambe le Figure 4 e 5 sono state generate in modo automatico dalla Figura 1. La Figura 4 è stata generata prima evidenziando il testo nei simboli selezionati, e poi utilizzando l’opzione ‘Hidden text’(testo nascosto) del comando List. Per evidenziare i simboli, bisogna disporsi su di loro con lo strumento freccia, premere click- shift e poi utilizzare l’opzione ‘Text: concealed’(testo nascosto) del comando ‘Edit attributes’. La Figura 5 è stata generata dal comando List (opzione ‘Text in symbols’).
§         I compiti che riguardano la correzione della mappa errata (buggy map) offrono agli studenti mappe che contengono errori introdotti intenzionalmente. Viene detto loro che ci sono errori e il compito è quello di individuarli e correggerli. Un’altra versione di questo approccio, che si è rivelata efficace in una ricerca (Sung 2000), presenta agli studenti una mappa concettuale sintesi di un testo autorevole. Gli studenti devono confrontare la mappa con il testo e quindi rimediare agli errori.
Sebbene simili attività possano essere portate avanti da singoli studenti che lavorano da soli, ci sono molte occasioni di migliorarle attraverso diversi tipi di attività a coppie o in gruppo. Lo scopo è quello di creare le condizioni per cui gli studenti meno capaci ottengono un supporto dai loro compagni più abili che a loro volta si avvantaggiano dell’opportunità di articolare e giustificare il loro pensiero. La collaborazione fra compagni può essere strutturata per esempio attraverso l’attività critica svolta a due a due, nella quale ogni singolo studente produce una mappa personale, ma anche si assume la responsabilità di criticare il compagno: ci sono ancora molti altri approcci.
 
Mappe per il web (Web maps)
 
Una mappa per il web è sostanzialmente una mappa concettuale che contiene hyperlink alle pagine web. Un hyperlink è un simbolo che funziona come un pulsante: cliccandoci su viene richiamata sullo schermo la pagina web associata.
Un esempio di web map di Conception è mostrata nella Figura 6. Cliccando sul simbolo ‘Edinburg University’con lo strumento mano (Hand), si attiva sullo schermo del computer Internet Explorer, mentre viene mostrata la pagina web con l’URL www.ed.ac.uk. Naturalmente per poter lavorare in questo modo è necessario essere connessi ad internet.
 
Mappe per il web con Conception
 
L’elaborazione di una web map con Conception è molto simile a quella per le mappe concettuali. Ogni stile di mappe concettuali, per esempio Concept map normal, può essere selezionato dalla finestra di dialogo mostrata nella Figura 3, e naturalmente gli strumenti penna,gomma,freccia e mano lavorano esattamente nello stesso modo. L’unica differenza è che in qualche punto, sono applicati hyperlink a simboli che li associano con la pagina web richiesta. Questo è fatto attraverso la selezione del simbolo con lo strumento freccia e scegliendo poi l’opzione ‘Link’dal comando ‘Edit attributes’. L’URL può in seguito essere inserito (o digitato o preferibilmente incollato) nella finestra di dialogo come mostra la Figura 7. Per rendere attivo il collegamento, è necessario evidenziare il simbolo in giallo cliccandoci su con lo strumento mano; quindi cliccare di nuovo.
Occorre osservare che Conception non smette di funzionare quando il web browser è portato sullo schermo. Conception continua a funzionare in background e si può ripristinarlo cliccando sul suo pulsante nella barra delle applicazioni (Windows) o selezionandolo dal menu applicazioni o dal dock (Macintosh).
 
Insegnanti e mappe per il Web
 
Dal momento che più classi hanno accesso ad internet, gli insegnanti cercheranno le strade per avvantaggiarsi di questa tecnologia. L’anarchia del web contiene molto materiale che può essere utile agli studenti ma anche molto di irrilevante, inaffidabile o diseducativo. Una navigazione non guidata è con molta probabilità improduttiva e forse pericolosa. Una possibile via d’uscita per gli insegnanti è quella di fornire agli studenti una mappa preventivamente preparata che offra accessi predisposti a siti che sono reputati credibili e produttivi. Naturalmente non vi è nessuna garanzia che gli studenti rimangano entro i confini di questi siti. Una mappa per il web fornisce una guida per lo studio autonomo, ma non rappresenta il sostituto di un sistema filtro.
Le web map non sono naturalmente l’unico modo di fare ciò. Le possibili alternative includono la distribuzione di liste con stampati gli URLs o l’installazione sui browsers di bookmarks o di file HTML. Lo svantaggio di una lista stampata è che la digitazione degli URLs è soggetta ad errori. Bookmarks e file HTML non hanno questo problema ma sono privi della capacità delle mappe per il web di integrare i collegamenti al web con una struttura coerente di informazioni. Le mappe per il web invece lo fanno, perché sono mappe concettuali. Così noi possiamo leggere la mappa della Figura 6 come un insieme di frasi dichiarative che (si spera) dicono cose opportune e rilevanti riguardo al loro soggetto. Come detto in precedenza, queste frasi possono essere estratte e mostrate attraverso il comando List di Conception.
Conception contempla alcune caratteristiche che possono migliorare le mappe per il web. Come indica la Figura 7, la costruzione dei suoi hyperlink è molto flessibile. Un simbolo può essere collegato a un’altra mappa di Conception o a un altro documento memorizzato sul computer (per esempio un file in PDF, un documento Word o una presentazione in Powerpoint) così come ad un URL. Questo significa che una mappa per il web può agire come un indice rivolto ad una serie di risorse di informazione elettronica, sia che queste abbiano sede in internet sia che esse siano memorizzate sul computer locale. In aggiunta, il comando List può agevolmente mostrate tutti gli hyperlink citati in una mappa per il web (guardiamo per esempio la Figura 8 che mostra questo tipo di lista per la web map della Figura 6).
È importante che gli URLs inseriti in Conception non siano irrimediabilmente bloccati nel programma – essi possono facilmente essere estratti dalla mappa del web e incollati in un word processor o altrove.
 
 

Studenti e mappe per il web
 
Qualche volta per gli studenti sarà conveniente intraprendere più ricerche basate su internet. Per esempio agli allievi più anziani, nelle lezioni di attualità, potrebbe essere richiesto di scoprire le connessioni tra uno specifico gruppo di uomini di affari e i politici. Questa ricerca può avere più successo se è accompagnata dallo sviluppo di una mappa per il web. Per gli studenti la creazione di una mappa non rappresenta soltanto una meta, ma li incoraggia anche ad organizzare le loro scoperte in una struttura coerente e costituisce una documentazione sull’indagine. Quando è stata completata, la mappa può essere condivisa con gli insegnanti e con gli altri studenti. Se è disponibile un proiettore di dati o un monitor grande, la mappa può essere utilizzata da coloro che l’hanno sviluppata per supportare una revisione delle conclusioni a cui si è giunti rivolta all’intera classe, nella modalità Presentation di Conception.
 Per raggiungere alcune di queste mete sono disponibili altri strumenti. Per esempio agli studenti appena citati può essere richiesto di preparare una presentazione di powerpoint, o di creare un filmato digitale, anziché di creare una mappa per il web. Senza dubbio in queste attività c’è un valore e quasi certamente fare esperienza di svariati approcci è un bene per gli studenti. Ciò che può essere rivendicato in modo specifico per le web map, tuttavia, è il fatto che esse incoraggiano maggiormente la messa a fuoco della sostanza piuttosto che della modalità di presentazione. Si spera che le web map non siano tanto intense tecnologicamente da spostare l’attenzione lontano dall’indagine dell’argomento disciplinare e verso, invece, la tecnologia.
L’insegnante di attualità probabilmente non desidera che i suoi studenti si facciano così assorbire dal progetto multimediale tanto da dimenticare il perché il compito sia stato in un primo momento assegnato. Per questa ragione ci possiamo forse aspettare che la mappa per il web possa diventare una caratteristica della normale pratica di classe e che la creazione di un filmato digitale non sia invece niente più che un’esperienza occasionale.
 
Mappe per argomentare (Argument maps)
 
Un esempio di mappa per argomentare è mostrato nella Figura 9. [3] Una argument map coglie la struttura di un dibattito nel quale l’intenzione è dedurre e valutare i pro e contro di un’idea principale. La mappa è strutturata ad albero con la main claim (affermazione principale) come base. Immediatamente sotto ci sono i simboli che specificano le ragioni per sostenerla (colorati di verde) o le obiezioni per confutarla (colorati in rosso). I livelli più bassi dell’albero possono contenere simboli che rappresentano le motivazioni delle ragioni, le motivazioni delle obiezioni, le obiezioni alle ragioni e le obiezioni alle obiezioni. Non ci sono limiti riguardo all’ampiezza con la quale il grafico può crescere .
Elencare la gerarchia di possibili ragioni od obiezioni è una gran parte di ciò che costituisce l’argomentazione, ma non è sufficiente a metterci nella condizione di decidere se l’affermazione principale può essere considerata valida. Per determinarne la validità dobbiamo decidere quale peso (livello di credibilità) dare ad ogni ragione e obiezione. Per esempio nella Figura 9 l’affermazione principale è fondamentalmente sostenuta (nel livello più alto) da due ragioni e contraddetta da un’obiezione. Naturalmente la controversia non può essere decisa in base alla semplice aritmetica. Plausibilmente possiamo riconoscere maggior peso alla sola obiezione piuttosto che alle due ragioni messe insieme, nel qual caso il bilancio complessivo sarà a sfavore dell’affermazione principale. Osserviamo che l’obiezione al primo livello è essa stessa supportata da due ragioni e contraddetta da un’obiezione, così il suo valore dipende, a sua volta, dal peso che attribuiamo a questi sottolivelli. Dedurre i pro e i contro e poi costruire giudizi riguardo il modo con cui questi si bilancino, è l’essenza delle argument map.
Come con altre forme di information map il processo di creazione di una argument map è di solito più importante del prodotto vero e proprio. A mano a mano che la mappa si sviluppa, essa fornisce una concreta registrazione dello stato del dibattito tenuto fino a quel momento e offre una struttura che può stimolare e accogliere nuovi contributi (mentre, se tutto va bene, scoraggia le ripetizioni). Al suo meglio, questo è un processo che include elementi di riflessione, discussione e negoziazione. Dovrebbe risultare una esperienza di apprendimento ricca. L’argument map è una tecnica che dovrebbe esser presa in considerazione ogni volta che l’obiettivo è promuovere la comprensione e dibattere temi che richiedono un pensiero critico.
 
Mappe per argomentare con Conception
 
L’elaborazione di una argument map con Conception inizia con la selezione dell’ambiente Argument Map dalla finestra di dialogo File/New (Figura 3). Questo produce una finestra che contiene i quattro tradizionali strumenti di grafica, insieme al simbolo unico nel quale possiamo digitare il testo dell’affermazione principale . Come per le concept map, molto del lavoro è realizzato trascinando e cliccando con lo strumento penna, con l’uso occasionale della gomma per eliminare i dati non necessari e con la freccia per riordinare il layout. Selezionato lo strumento penna, trascinando a partire dalla main claim si produce un menu con due opzioni (Figura 10). Di conseguenza l’opzione selezionata aggiunge una ragione o una obiezione alla mappa. Il software, in modo automatico, assegna il colore appropriato ai simboli in modo tale che anche un rapido sguardo alla mappa sarà in grado di distinguere il contributo degli elementi a sostegno della main claim (i cui simboli sono tutti verdi) da quello degli elementi che le si oppongono.
Conception ha alcune caratteristiche che dovrebbero essere ricordate riguardo alle argument map, sebbene si applichino anche alle altre tipologie di mappe:
  • Il comando List mostrerà le frasi della argument map, per esempio i pro e contro rappresentati come testo.
  • Nel caso in cui una ragione a sostegno è stata aggiunta dove era prevista un’obiezione, cliccarci su ripetutamente con lo strumento penna fino a che il dato richiesto non appaia. Alternativamente selezionare il simbolo con lo strumento freccia, scegliere il comando Show stylesheet per rivelare l’intera serie degli stili della argument map e cliccare su quello richiesto.
  • I simboli di una argument map possono contenere testi molto lunghi. Qualche volta si vedranno meglio se formattati con una o più righe di separazione. Per specificare l’interlinea, inserisci il carattere ‘^’(shift-6 sulla tastiera) nel testo redatto.
  • È utile corredare la mappa con il nome degli autori e con altre simili informazioni  (Figura 11). Questo può essere realizzato cliccando nello spazio libero tenendo premuto il tasto shift per creare un casella Conception di commento. Questa casella può essere costruita, cancellata e spostata intorno a qualsiasi altro simbolo ma non è considerabile una vera e propria parte della mappa.
Al momento Conception non offre per l’argument map ambienti che riguardino l’assegnazione di pesi alle ragioni e alle obiezioni. Questa fase, se incorporata esplicitamente, dovrà essere maneggiata in modo informale.
 
Docenti: mappe per argomentare
 
Agli insegnanti può essere gradito l’utilizzo di questa tecnica per preparare sintesi di dibattiti politi, etici e tecnici da usarsi come sussidio visivo e materiale da distribuire a mano.
 
Studenti: mappe per argomentare
 
Le argument map possono essere usate in molti modi. Quelli che seguono sono suggerimenti.
§         Discussione informale – questa implica un lavoro di due o tre studenti intorno al computer, che discutono una main claim mentre contemporaneamente costruiscono la mappa: la main claim e forse anche i ruoli (sostenitori e oppositori) dovrebbero essere assegnati in precedenza dal docente. Tre studenti per computer possono lavorare bene – uno argomenta la main claim (il verde), uno la confuta (il rosso) e uno manovra lo sviluppo della mappa. Questo terzo ruolo non comporta semplicemente la guida del mouse, ma funge da arbitro della seduta. Un’attività come questa potrebbe occupare circa una ventina di minuti. Il suo valore può essere accresciuto, probabilmente, se la main claim riguarda un tema che è stato attentamente introdotto in precedenza.
Un’attività successiva alla costruzione della mappa dovrebbe occuparsi di una revisione per l’intera classe degli elementi a favore o contro. Un’altra possibilità è l’attività di critica fra compagni dove ogni gruppo si assume la responsabilità di fornire un feedback alla mappa dell’altro.
§         Preparazione per dibattiti formali in classe – in questo caso l’attività serve da introduzione ad un più tradizionale dibattito strutturato (per esempio liberi dal computer).
Una volta che il docente ha preparato la mozione (per esempio l’affermazione principale) e che sono stati definiti i gruppi di lavoro a favore e contro, i preparativi personali di ogni gruppo per la prova possono in seguito includere la creazione di una argument map. Costruire la mappa incoraggia chi dibatte non soltanto a considerare la propria parte della questione ma anche ad anticipare le argomentazioni degli avversari. (Naturalmente un abile conduttore di dibattiti sa, con molta probabilità, come colpire il punto di vista della parte avversa, così come verosimilmente, sa anche difendere il proprio dagli attacchi avversari). Le mappe così costruite preparano il terreno per i discorsi formali che più tardi saranno trasferiti in aula per il dibattito.
§         Pianificare una prova – se la richiesta è quella di rispondere a un tipo di problema come ‘discuti di…’allora una argument map si presenta come un utile strumento di stesura veloce.
§         Resoconto di una ricerca – se il compito assegnato è quello di riassumere i pro e i contro di un problema che è stato indagato con la lettura, con l’utilizzo del web e così via, allora un resoconto finale per l’intera classe può essere basato su una argument map. La mappa può essere stampata come documento da distribuire a mano o mostrata dal vivo con la modalità Presentation di Conception.
È necessario ricordare che le attività sulle concept map sono state in precedenza categorizzate come tabula rasa, scaffolded o correzione di buggy map. A causa della natura contraddittoria dei loro elementi, sembra probabile che le argument map saranno costruite soprattutto usando la modalità tabula rasa. Tuttavia c’è posto, forse, anche per gli altri due approcci.
 
 
Mappe per prendere una decisione
(Decision maps)
 
Un esempio di mappa per prendere una decisione è mostrato nella Figura 12. Lo scopo della mappa è di rappresentare un processo decisionale su un tema specificato nel simbolo collocato più in alto. Un processo decisionale razionale può essere caratterizzato dalla valutazione di una serie di opzioni (options) (i possibili risultati del processo) attraverso la considerazione di quanto ogni opzione soddisfi una serie di fattori (factors) i quali richiedono considerazione (cioè i criteri). Nella figura 12, le opzioni appaiono nei simboli sulla sinistra e i fattori sulla destra . Il link che connette un’opzione con un fattore ha un codice colore e assegna un punteggio per specificare la valutazione utilizzando la seguente scala:
      +2 = molto buono;  +1 = buono; 0 = neutro;  – 1 = insufficiente ; – 2 = molto insufficiente
Come gli esempi indicati, l’opzione preferita è quella con il punteggio totale più alto, quando tutti i fattori siano stati presi in considerazione.
Occorre notare che noi potremmo ugualmente rappresentare questa informazione della mappa in una tabella (vedi figura 13). La rappresentazione in tabella ha alcuni vantaggi – prende meno spazio e possiamo usarla probabilmente più rapidamente per risolvere certe tipologie di problemi (per esempio ‘confronta i punteggi di un bus e di una bicicletta sulla base del fattore costo giornaliero’). Ma dobbiamo ricordare che le preferenze riguardo alla rappresentazione sono in parte soggettive. Alcuni possono trovare la versione grafica più avvincente. Ancora, abili risolutori di problemi possono attribuire significato a molte forme di rappresentazione e hanno imparato, se necessario, come spostarsi da una all’altra.
 
Mappe per prendere una decisione con Conception
 
L’elaborazione di una decision map con Conception inizia con la selezione dalla finestra di dialogo mostrata nella Figura 3 dello stile di rappresentazione Decision maker. Questo produce una finestra che contiene un unico simbolo ‘Decision Making’nel quale possiamo scrivere un testo che descrive il soggetto del processo decisionale. In seguito, con lo strumento penna, trasciniamo da quel simbolo verso una posizione appropriata alla prima opzione e selezioniamo il primo dei due elementi nel menu a comparsa (popup); selezioniamo poi il secondo per creare i fattori (vedi figura 14). Ripetiamo questo procedimento fino a quando non abbiamo inserito l’intera serie di opzioni e fattori. In seguito, e ancora con lo strumento penna, trasciniamo da un’opzione a un fattore. Appare un altro menu popup (vedi figura 15) dal quale possiamo selezionare un punteggio che rappresenta la valutazione dell’opzione rispetto al fattore.
Anche se il menu popup contiene soltanto una scala di cinque valori, una volta che è stato inserito il punteggio, niente ci impedisce di ridigitare una qualsiasi altra valutazione (cliccandoci su con lo strumento penna). Ancora notiamo che Conception colloca il punteggio, in default, a metà dei suoi link. Nel caso in cui ciò non sia adeguato possiamo usare lo strumento freccia per trascinare il punteggio in una qualsiasi altra posizione lungo il link.
 
Insegnanti e mappe per prendere una decisione
 
Gli insegnanti possono scegliere di dare forma allo svolgimento della decision map usando preferibilmente la modalità Presentation di Conception unitamente a un proiettore di dati o un monitor a schermo largo. In aggiunta possono preferire l’ideazione di attività di studio basate su queste mappe. Come in precedenza, possiamo pensare che queste attività siano suddividibili in tre principali categorie: mappe tabula rasa, mappe scaffolded, e correzione di buggy map. Alcuni esempi sono descritti sotto.
 
Studenti e mappe per prendere una decisione
 
Le mappe tabula rasa sono le attività più libere. Una lezione di attualità potrebbe essere definita in questo modo: ‘Immagina di essere il Ministro delle finanze che pianifica il prossimo bilancio. Costruisci una decision map che ti aiuti a decidere come agire’.
Questo naturalmente è un compito decisamente non strutturato. Anche se alcuni studenti lo supereranno, altri necessiteranno di maggiore aiuto; forse come nell’esempio : ‘Immagina di essere il Ministro delle finanze che pianifica il prossimo bilancio. Le tue opzioni sono aumentare le tasse, mantenerle uguali o abbassarle. I fattori che ti stanno a cuore sono piacere agli elettori, procurare molto denaro al Tesoro e piacere sia all’ala destra che a quella sinistra del tuo stesso partito. Costruisci una decision map che ti aiuti a decidere come agire’. È necessario notare che la mappa scaffolded è provvista di una esplicita indicazione delle opzioni e dei fattori – essenzialmente, gli studenti devono fornire soltanto i punteggi. L’insegnante potrebbe anche scegliere di distribuire un file di Conception con una mappa che contiene le opzioni e i fattori già inseriti.
Un compito su mappa con errori (buggy map) potrebbe presentare alla classe una relazione giornalistica su cosa il ministro del bilancio abbia attualmente fatto, insieme alla decision map che deliberatamente travisi la politica sottesa fornendo opzioni, fattori e punteggi scorretti. Il compito degli studenti è quello di confrontare il resoconto giornalistico alla mappa, individuando le incongruenze e producendo una versione corretta della mappa stessa. Come sempre, i vantaggi di un compito come questo in parte dipenderanno dal mondo in cui viene introdotto dall’insegnante, dai preparativi che sono stati fatti per agevolare la collaborazione fra compagni e dall’attività di riesame finale.
 
Mappe per progettare ricerche o indagini (Project maps)
 
Un esempio di mappa per progettare è mostrato nella Figura 16. Una mappa per progettare è un piano di studio per una ricerca o per un’inchiesta. Il suo simbolo al livello più alto dà al progetto un titolo. Al di sotto possiamo leggere l’affermazione (the claim) – questa è un’ipotesi o una congettura che il progetto dovrà indagare. In seguito vediamo le domande specifiche che saranno fatte e la determinazione delle fonti dei dati e dei metodi di ricerca che saranno utilizzati per rispondere.
 
Mappe per progettare ricerche o indagini con Conception
 
Un’elaborazione di mappa per progettare ricerche o indagini con Conception inizia con la selezione, dalla finestra di dialogo mostrata nella Figura 3, dello stile di rappresentazione Project plan. Questo produce una finestra che contiene un simbolo ‘Investigation ‘(inchiesta) in cui puoi digitare il testo che gli dà un titolo. In seguito, dopo aver selezionato lo strumento penna, trasciniamo da questo simbolo per creare il simbolo ‘Claim’, e da qui, successivamente, creiamo il numero necessario di simboli per le domande. Successivi trascinamenti completano il piano con i simboli che rappresentano le fonti dei dati e i dettagli dei metodi di ricerca.
La rappresentazione Project Plan di Conception, che determina i simboli e le relazioni modellati in questa tipologia di mappa, può essere visualizzata con il comando ‘Show stylesheet. Si noti che una finestra Conception non si limita a mostrare i simboli di una sola rappresentazione. Un simbolo selezionato con lo strumento freccia può essere trasformato in un qualsiasi altro stile rappresentativo portando sullo schermo la finestra dello stile richiesto (usando il comando ‘Browse stylesheet’) e cliccando sul simbolo richiesto in quella finestra. I simboli che da quello hanno origine sono in seguito determinati dal nuovo stile di rappresentazione.
Per alcune tipologie più specifiche di progetto, si può desiderare la preparazione di un tipo di rappresentazione speciale. Utenti coraggiosi possono provare questo compito con ‘Editor Stylesheet’, un programma d’appoggio che fa parte del pacchetto di Conception. Non sono richieste abilità di programmazione ma è essenziale un’attenta pianificazione (vedi la guida online di Conception). Se la rappresentazione deve essere usata spesso, allora lo sforzo sarà ripagato nel momento in cui è salvato in un’edizione ad hoc con il comando ‘Edit attributes’.[4]
 
Mappe per progettare
 
Le mappe per progettare sono fatte per essere d’aiuto nelle fasi iniziali di pianificazione di un progetto. Esse forniscono una struttura che dovrebbe adattarsi bene a inchieste empiriche su piccola scala effettuate dagli scolari più anziani o da studenti. In simili inchieste, è importante essere chiari riguardo all’affermazione fondamentale che si va ad analizzare, le domande di ricerca che saranno rivolte e i metodi di inchiesta che saranno utilizzati. Per gli insegnanti, la tecnologia qui fornisce uno strumento che permette un approccio razionale al progetto di ricerca che deve essere modellato. Per gli studenti fornisce la messa a fuoco dei livelli principali, degli aspetti strategici della pianificazione del progetto che qualche volta si perdono,invece, nei dettagli della realizzazione. Naturalmente usare questa struttura non garantisce che il progetto sarà scandagliato – le fonti dei dati e i metodi potrebbero essere, per esempio, insufficienti se messi a confronto con le domande – ma fornisce uno strumento che rende visibile i procedimenti del pensiero coinvolti e così incoraggia la discussione e la riflessione critica.
 
Mappe mentali (Mind maps)
 
Un esempio di mappa mentale è mostrato nella Figura 17. Una mappa mentale è una forma di information map resa nota da Tony Buzan (1996) nella quale l’idea principale compare come simbolo centrale di una rete a forma di stella . Le idee associate si irradiano dal simbolo centrale. Buzan dà una serie di ‘leggi per mappe mentali ‘che principalmente forniscono indicazioni stilistiche – per esempio, le linee centrali dovrebbero essere più spesse, il testo e le linee dovrebbero fare uso di colore, le immagini dovrebbero essere usate ovunque possibile, e le etichette di testo dovrebbero limitarsi a singole parole.
 
Mappe mentali con Conception
 
Un’elaborazione mind map con Conception inizia con la selezione dalla finestra di dialogo mostrata nella Figura 3 dello stile di rappresentazione Mind map. Questo produce una finestra con un singolo simbolo che è destinato a comportarsi come simbolo centrale della mappa mentale. Trascinando da questo simbolo si creano un link e un simbolo aggiuntivo come mostra la Figura 18. Occorre notare che, a parte il simbolo centrale, le etichette di testo di una mappa mentale appaiono soltanto sui simboli, non sui link. L’uso dello stile di rappresentazione Mind map assicura automaticamente che siano rispettate alcune delle indicazioni stilistiche citate sopra (a proposito dell’uso del colore e dello spessore delle linee).
È interessante cercare di fare l’elenco delle frasi di una mappa mentale, usando il comando ‘List’di Conception. Il risultato è essenzialmente una lista di parole piuttosto che di frasi. Questo accade perché una mappa mentale non esplicita specificamente le relazioni tra le idee – i verbi o le frasi che collegano le idee in una mappa mentale sono omessi e così per il software non è possibile estrarre dalla mappa un’interpretazione comprensibile.
 
Studenti, insegnanti e mappe mentali
 
Buzan consiglia caldamente, tra le altre possibili applicazioni, la tecnica delle mind map per prendere appunti, per il brainstorming, per il pensiero creativo e per le presentazioni. Sebbene alcune di queste affermazioni – come l’asserzione che la mappa mentale ‘è una chiave universale per sbloccare le potenzialità della mente ‘(p. 59) –sembrino alquanto esagerate, la mappa mentale è stata molto pubblicizzata dai suoi sostenitori e adesso pare essere davvero largamente conosciuta. Come tecnica con scopi molto generali, sembra che la mappa mentale sia la più simile alla mappa concettuale. Gli insegnanti vorranno considerare attentamente se la mappa mentale è meglio o peggio della mappa concettuale per i loro scopi applicativi.
Come prima notato, le due tecniche differiscono in modo rilevante. Una mappa concettuale specifica in modo evidente le relazioni mentre una mappa mentale no  (semplicemente compie una serie di non definite ‘associazioni’tra le cose). Ne consegue che è più probabile che una mappa concettuale abbia un significato chiaro di per sé, quello che può essere compreso anche da chi non avrà partecipato alla sua creazione, o dai suoi originari autori dovendo essi ritornarci su dopo un periodo di pausa. Questi spesso sono dei vantaggi per la mappa concettuale. La disciplina richiesta per dare il nome alle relazioni può essere un altro vantaggio, così come lo sforzo coinvolto incoraggia il pensiero critico e la riflessione.
D’altra parte il fatto che la mind map lasci così tanto del significato implicito tende a renderla più veloce da realizzare. La semplicità e l’informalità delle mappe mentali può renderle molto adatte ai primi stadi del pensare riguardo un problema. Nell’istintivo brainstorming per esempio, la raccolta rapida e libera (‘fast and loose’) delle informazioni è di solito considerata più importante della precisione. Una brainstorming map non necessita di comunicare significato ad altri se non ai diretti partecipanti al processo e anche questi non si aspetteranno di rimanere legati alla mappa a lungo. Un altro esempio di compito libero e veloce è il prendere nota. La velocità con la quale giungono le informazioni durante una lezione può rendere la mind map una tecnica più pratica rispetto alla concept map. Per prendere appunti, forse, si dovrebbe unire il meglio dei due mondi attraverso una mind map che si collega alla costruzione, dopo una successiva riflessione, di una concept map, utilizzando la mind map come fonte di materiali.
Sembra giusto proporre che concept map e mind map siano entrambe, potenzialmente, da considerarsi utili forme di rappresentazione, ma con caratteristiche che danno loro punti di forza diversi per diverse applicazioni. Sembra possibile inoltre che le preferenze personali verso le due tecniche saranno determinate dagli stili cognitivi individuali.
 

Ricapitolazione e conclusione
 
La tavola sotto riportata riassume le applicazioni delle varie tipologie di mappe informative che sono state discusse in questo documento. Per tutti questi tipi, è importante rilevare quanto l’uso della tecnologia possa aggiungere valore all’utilizzo in classe delle information map. Confrontato con l’approccio ‘carta e penna’, un buon software può fare mappe informative più facilmente, in modo più divertente da creare, ridisegnare e condividere.
 
I programmi come Conception sono flessibili non soltanto nella varietà dei soggetti, dei campi d’azione e delle forme di rappresentazione che supportano, ma anche nella loro versatilità pedagogica. Lo stile d’insegnamento tradizionale può essere migliorato, per esempio, attraverso presentazioni all’intera classe basate su Conception ed esercizi di completamento di mappe. Lo stile d’insegnamento costruttivista si gioverà delle opportunità di rendere capaci gli studenti di costruire e discutere modelli di informazione che sono inspirati da ricerche autonome e compiti progettuali.
 
 
Qualunque sia lo stile di insegnamento, probabilmente il valore del lavoro con Conception dipenderà in maniera significativa da come verrà ben integrato nell’insieme dei processi di apprendimento della classe.
 
In conclusione sembra ragionevole affermare che le information map costituiscono un potente insieme di strumenti per la classe. Esse possono essere usate sia dai docenti per comunicare informazione sia dagli allievi – includendo quelli con uno stile cognitivo da ‘visualiser’– per comprendere gli argomenti disciplinari. E non solo l’argomento disciplinare, naturalmente: l’obiettivo evidente è che gli scolari, costruendo mappe per l’informazione, acquisiscano anche tecniche generali di rappresentazione e capacità di pensiero trasferibili. Per esempio i ragazzi che creano una mappa per discutere riguardo, per esempio, la politica dei trasporti stanno imparando anche che l’argomento può essere interpretato come una struttura gerarchica di affermazioni, giustificazioni e obiezioni. I ragazzi che creano una mappa per prendere decisioni riguardo il bilancio del Ministro delle finanze stanno anche imparando che un processo decisionale può essere interpretato nei termini di opzioni, fattori e valutazioni. Se queste strutture di rappresentazione sono spiegate chiaramente dai docenti e affrontate dagli studenti in una gamma di contesti differenti, allora il loro potere e la loro flessibilità dovranno essere loro disponibili per un apprendimento che dura tutta una vita — anche quando le lezioni sulla politica dei trasporti o sulla messa a punto del bilancio sono state dimenticate.

 
 
Tipo di mappa
Rappresenta
Applicazioni
Mappa concettuale
 
Una struttura concettuale.
 
 
I simboli rappresentano i concetti, i link rappresentano le relazioni.
Per gli insegnanti:
  • Preparazione per l’insegnamento — mappe sui temi chiave per pianificare lezioni, etc. (uso di mappe con hyperlink per gestire lavori complessi)
  • Produzione di sussidi visivi — previsioni e revisioni
  • Creazione di compiti in classe e valutazioni — i compiti possono coinvolgere mappe tabula rasa, mappe scaffolding e mappe errate da correggere
Per gli studenti:
  • Creazione, completamento e correzione di sintesi di materiali del piano di studi e di testi — possibilità di riflessione critica fra compagni e altre forme di lavoro collaborativo
 
 
Mappe per il web
 
Come per la mappa concettuale, ma alcuni o tutti i simboli sono collegati in modo attivo con siti web
Per gli insegnanti:
  • Preparazione di linee guida per lo studio degli studenti basato su internet
 
Per gli studenti:
  • Creazione di una documentazione delle ricerche basate su internet — organizzazione delle scoperte effettuate sul web in strutture concettuali coerenti
 
Mappe per argomentare
Una struttura per l’argomentazione
 
Il simbolo più alto rappresenta l’affermazione principale. I simboli ai livelli inferiori rappresentano le giustificazioni o le obiezioni
Per gli insegnanti:
  • Preparazione di sintesi di dibattiti politici, etici e tecnici da usarsi come sussidi visivi o materiali distribuiti a mano
Per gli studenti:
  • Supporto a discussioni informali di attualità tra due o tre scolari seduti intorno ad un computer
  • Preparazione per dibattiti formali in classe

 
 
Mappe per prendere una decisione
Una struttura per prendere una decisione.
 
I simboli rappresentano le opzioni o i fattori i link rappresentano la valutazione delle opzioni in rapporto ai fattori.
Per gli insegnanti:
  • Creazione di un modello razionale di decision map, magari con la presentazione all’intera classe
  • Creazione di compiti in classe — possibilmente compiti tabula rasa, scaffolded o di correzione
Per gli studenti:
  • Creazione di un modello del processo decisionale su alcuni aspetti del programma di studio— possibilità di riflessione critica fra compagni e altre forme di lavoro collaborativo
 
Mappe per progettare ricerche o indagini
Una struttura per pianificare il lavoro di ricerca o di
Inchiesta.
 
Il simbolo più in alto fornisce al progetto un titolo. I simboli inferiori, che rappresentano ’affermazione, specificano le domande che devono essere rivolte, le fonti dei dati e i metodi investigativi.
Per gli insegnanti:
  • Creazione di un modello di approccio razionale al piano di ricerca
Per gli studenti:
  • Creazione di schemi di progetto — messa a fuoco dei livelli più importanti e degli aspetti strategici
Mappe mentali
Una struttura di idee
 
Il simbolo centrale rappresenta l’idea principale. Le idee che sono da considerarsi associate sono collegate all’idea principale in una rete a forma di stella.
 
 
Per insegnanti e studenti:
  • Compiti ‘veloci e liberi ‘di raccolta di informazioni come il prendere appunti e il brainstorming
 

Riferimenti bibliografici
Buzan, T. (1996). The Mind Map Book. Plume/Penguin.
Cox, R. & Brna, P. (1995) Supporting the use of external representations in problem solving: the need for flexible learning environments. Journal of Artificial Intelligence in Education Vol 6 No 2/3 239:302.
Horn, R. (1998). Visual Language: Global Communication for the 21st Century. MacroVu Press.
McKendree, J., Small, C., Stenning, K. & Conlon, T. (2002) The Role of Representation in Teaching and Learning Critical Thinking. Educational Review Vol 54 No 1, pp57-67.
Novak, J. & Gowin, D. (1984). Learning How to Learn. Cambridge University Press.
Novak, J. (1998). Learning, Creating and Using Knowledge. Lawrence Erlbaum Associates.
Sung, T. (2000). The Effect of Concept Mapping to Enhance Reading Comprehension and Summarizing Abilities: a Comparison of Scaffolding Strategy, Correction Strategy and Self-generating Strategy. Proceedings of AERA 2000.

Appendice: Figure[5] e illustrazioni

Figure 1 A concept map (Conception file ‘Water and its states’)
 
H20 can be in Liquid state. H20 can be in Gas state. H20 can be in Solid state. H20 is found in Lakes and rivers. H20 is found in Seas and oceans. H2O in gas state is called Steam. Seas and oceans also contain Salt. Seas and oceans evaporate into Clouds. Lakes and rivers do not contain Salt. H2O in solid state is called Ice. H2O in liquid state is called Water. Clouds precipitate into Lakes and rivers.
Figure 2 Text equivalent representation
 
Figure 3 Selecting a stylesheet in Conception
 
Figure 4 Very strong scaffolding
 
 
Draw a concept map which has ‘H20’ as the central symbol and which includes these concept names: Steam, Seas and oceans, Lakes and rivers, Solid state, Gas state, Liquid state, Water, Ice, Clouds, Salt
Figure 5 Much weaker scaffolding
 
Figure 6 A web map (Conception file ‘Web Map on Edinburgh’)
 
Figure 7 Creating a web hyperlink in Conception
 
Figure 8 Listing of web map URLs
 
Figure 9 An argument map (Conception file ‘Public transport debate’)
 
Figure 10 Adding a symbol to an argument map
 
Figure 11 A comment box created by shift-clicking in free space.
 
Figure 12 A decision map (Conception file ‘Decide on travelling to school’)
 
 
 
Take the bus
Lift in car
Bicycle
Walk
Help the environment
+1
-2
+2
+2
Personal fitness and health
-1
-2
+2
+1
Daily cost
+1
0
+2
+2
Comfort & convenience
+1
+2
-2
-2
Totals
+2
-2
+4
+3
Figure 13 An equivalent rep

No votes yet.
Please wait...
  1. Stefania Giorello

    …vedo solo ora questa interessantissima novità  e…penso proprio che ne approfitterò!!! Sono un’insegnante di lettere ed anch’io sono appassionata di blog…
    …quindi…arrivederci!!!

    No votes yet.
    Please wait...
  2. Maria Teresa Panunzio

    Buongiorno, sono una ex-insegnante di informatica e matematica.Ho partecipato per due anni come mentor nel Coderdojo di Biella e la mia prossima iniziativa è relativa a Scratch per dodicenni alla biblioteca dei ragazzi di Biella.Vorrei entrare in contatto con voi.Grazie

    No votes yet.
    Please wait...
  3. maria teresa panunzio

    Buongiorno, sono una ex-insegnante di informatica e matematica.Ho partecipato per due anni come mentor nel Coderdojo di Biella e la mia prossima iniziativa è relativa a Scratch per dodicenni alla biblioteca dei ragazzi di Biella.Vorrei entrare in contatto con voi

    No votes yet.
    Please wait...
  4. come si puo pensare di dare queste informzioni e mettere le TIC all infanzia quando già i bambini sono bombardati da TIC e media fuori dalla scuola. La scuola dev essere un luogo dove i bambini devo fare esperienze dirette non farli rincretinire usando il computer o il tablet o schermi Gia a 4 anni alcuni portano le lenti figuriamoci se anche a scuola li mettiamo davanti a schermi illuminati. La scuola pubblica distruggerà la spontaneità dei bambini se continua cosi. Avremo dei sapientoni con cervelli pieni d informazione ma vuoti di ciò che sono le cose piu semplici e naturali.

    Rating: 1.0/5. From 1 vote.
    Please wait...
    • Gentile Luca,
      concordo con la sua posizione quando afferma che “la scuola deve essere il luogo per far fare esperienze dirette”, soprattutto nella scuola dell’infanzia. Infatti, tale grado di scuola richiede proprio che i bambini imparino a utilizzare tutti i campi di esperienza, come citato nelle Indicazioni Nazionali per il Curricolo del 2012. Questo però non esclude che tale esperienze venga fatta ANCHE attraverso le tecnologie. Sottolineo l’ANCHE che non richiede l’ESCLUSIVITA’. Utilizzare solo le ICT all’infanzia sarebbe patetico, oltre che poco funzionale.
      Inoltre mi permetto di fare il punto sulla MODALITA’. Il rapporto 1:1 con il computer non è un modello per la scuola dell’infanzia, dove il gioco ha la priorità. Non è possibile far utilizzare ai bambini dell’infanzia un dispositivo per ognuno. E’ invece possibile utilizzare i dispositivi in gruppo, usare il proiettore, usare il Coding, usare i video (brevi) , usare le immagini, interagire con la tecnologia.
      Il grande compito della scuola oggi è quello di sviluppare competenza digitale, i docenti devono insegnare a utilizzare le ICT con gli aspetti positivi e gli aspetti negativi (si veda il modello di competenza digitale DIGCOMP). Ovviamente ogni età ha una sua struttura cognitiva e i docenti dovrebbero essere formati per capire come le ICT si possono utilizzare in relazione al livello della scuola. A questo proposito si guardi il modello TCPACK: è molto interessante.
      Ultimo appunto: la creatività. Un uso consapevole delle ICT sviluppa creatività. Non si tratta di un uso istruttorio o procedurale ma l’uso creativo (ad esempio il Coding)
      La scuola potrebbe farne a meno e scegliere di non usare le ICT: ma se questi ragazzi non hanno imparano a utilizzare le ICT in modo intelligente a scuola dove altro possono avere occasione di imparare? La scuola dovrebbe essere maestra di vita, anche nelle ICT.
      Che ne pensa?

      Rating: 4.5/5. From 2 votes.
      Please wait...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.