Google Chrome è il browser preferito da miliardi di persone nel mondo, il più usato sia sui dispositivi mobile che sui personal computer. Per un certo periodo Google ha anche accarezzato l’idea di farlo diventare un vero e proprio sistema operativo con delle applicazioni specifiche e dell’hardware specifico (ChromeBook). Ora la marcia indietro: le APP per Chrome OS termineranno entro il 2022, rimane solo il WEB.

A quanto pare l’esperimento Chrome OS non ha portato i risultati sperati: La diffusione dei servizi online in grado di funzionare, senza installazione, su qualsiasi Browser e la concorrenza del fratello maggiore Android, dove sono disponibili tutte le APP del mondo, aveva già convinto Google nel 2016 a terminare il supporto alle APP e ad abilitare su Chrome OS le APP di Android e di Linux.

Per la maggior parte degli utenti non cambierà nulla: il mondo le APP le vuole solo per Android o per iOS, perfino l’APP store di Windows oggi arranca e per gli altri ci sono solo le briciole.

Chrome OS è stato più che altro un esercizio di stile, una sfida tecnologica, un omaggio alla filosofia del Thin Client che, a dire il vero, in questi ultimi 30 anni ha sempre promesso molto e mantenuto poco o nulla (prestazioni modeste, costi elevati, niente software).

Ma i ChromeBook? quei fantastici netbook “fatti apposta” per le scuole e improbabili start-up? Quelli che nessuno acquistava ma che venivano rifilati alle scuole come ultima meraviglia tecnologica?

Quelli nuovi, ammesso che sia ancora conveniente e lungimirante acquistarli, sono in grado di eseguire le APP di Android, quindi è come avere un tablet con tastiera. Ottimo.

E quelli vecchi? come tutti i Thin Client vanno bene solo per navigare…

https://www.theverge.com/2020/1/15/21067907/google-chrome-apps-end-support-lune-windows-macos-linux

https://in.mashable.com/tech/10549/google-is-killing-chrome-apps-in-favour-of-the-web

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.