Si possono esportare nell’economia materiale i principi che sorreggono il software libero? In altre parole, è possibile hackerare l’economia reale, in modo che ci sia pane e tecnologia per tutti?

Pubblicato martedì 23 maggio su
[lib align=left type=image]http://www.dschola.it/images/library/zeusnews.gif[/lib]



Parte prima: l’hacker, nè programmatore, nè genio, nè criminale

Secondo l’attuale definizione di Wikipedia, un hacker è una “persona che si impegna nell’affrontare sfide intellettuali per aggirare o superare creativamente le limitazioni che gli vengono imposte, non limitatamente ai suoi ambiti d’interesse, ma in tutti gli aspetti della sua vita

Leggi tutto l’articolo