L’archivio della tradizione orale nasce in rete con l’aiuto delle scuole

Quante storie avete ascoltato da bambini, seduti sulle ginocchia dei nonni? Sono frammenti di vita, di cultura popolare e di storia che meritano di essere conservati.
Una proposta operativa per salvare la tradizione orale arriva dall’associazione culturale La Giubba, che gestisce il Centro documentazione della tradizione orale di Piazza al Serchio, in provincia di Lucca.

Si tratta di uno dei maggiori centri di raccolta e conservazione della cultura popolare che opera per il recupero e la salvaguardia della cultura orale, fatta di immaginario, storie, racconti, leggende, tradizioni, feste, riti. Agli studiosi, agli appassionati, alle associazioni, ai docenti e ai dirigenti delle scuole italiane, La Giubba propone di partecipare alla costruzione di un archivio nazionale della letteratura orale attraverso percorsi di ricerca con interviste sull’immaginario locale secondo criteri definiti e condivisi

Leggi tutto l’articolo

Pubblicato su SophiaPubblicato su: Sophia
lunedì 11 ottobre 2004