Internet targata Europa, si parte. Dal 7 dicembre 2005 i navigatori del Web appartenenti a uno dei venticinque paesi membri dell’Unione Euroea potranno cominciare a registrare i propri domini internet a targa “.eu”: il nuovo suffisso, che si aggiunge ai già celebri “.com”, “.it”, “.net” o “.info”, può contare su un bacino di oltre duecento milioni di potenziali utenti (a tanto ammonta la popolazione Internet in Europa) e ne rappresenterà il simbolo identificativo nella rete delle reti.



La decisione è stata annunciata dal consorzio Eurid, l’associazione non-profit internazionale dove per una volta l’Italia ricopre un ruolo di prima fila: è stata infatti fondata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (attraverso l’Istituto di Informatica e Telematica di Pisa, Iit-Cnr, quello che è responsabile per conto dell’Icann della registrazione dei domini italiani) e dai registri omologhi di Belgio (Dns. be) e Svezia (Nic. se).

Il consorzio già nel 2003 si è aggiudicata la gestione del nuovo registro Internet europeo, vincendo il primo appalto di servizio pubblico oneroso mai varato dall’Unione. “E’ per noi un motivo di particolare orgoglio esser stati scelti”, osserva Maurizio Martinelli, responsabile dei servizi tecnologici dell’Istituto del Cnr. “Il bando dell’Unione europea è stato vinto da noi, con belgi e svedesi, su sette cordate che avevano partecipato. Dopodiché abbiamo messo a punto il progetto. Abbiamo vinto noi perché avevamo una combinazione di esperienze altissima ed eravamo in grado di ‘coprire’ tutta l’Europa”.


Tempi, modi e procedure di registrazione del nuovo dominio sono stati illustrati a Pisa nella sede dell’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr venerdì scorso in occasione dell’Eurid roadshow: dalle 9,00 alle 16,30 gli esperti del consorzio sono rimasti a disposizione di utenti, stampa e registrar (gli operatori del settore che materialmente gestiranno le procedure di registrazione dei nomi a dominio) per chiarire i dettagli tecnici del nuovo dominio. Il programma e il modulo di adesione sono disponibili sul sito www.iit.cnr.it/eventi/eu_road_show.php.

Articolo apparso su Repubblica il 24/10/2005.

Per maggiori informazioni consulta l’articolo completo su: http://www.repubblica.it/2005/g/sezioni/scienza_e_tecnologia/affin3/dominioeu/dominioeu.html