L'iniziativa eEurope è uno degli strumenti fissati a Lisbona per modernizzare l'economia europea rendendola più concorrenziale.

Sulla base di questa iniziativa è stato lanciato un primo piano d'azione, eEurope 2002, che fissava una serie di obiettivi da realizzare entro il 2002. Ad esso è seguito il piano d'azione eEurope 2005, che partiva dai risultati del piano precedente, e dagli ostacoli che aveva incontrato, per fissare nuovi traguardi e attività da compiere, al fine di garantire a tutti (e in particolare ai cittadini) i vantaggi della società dell'informazione. Ora la Commissione ha pubblicato una comunicazione che propone una revisione intermedia del piano eEurope 2005.

Il documento segue l'articolazione del piano, ovvero:

1. servizi per i cittadini e le imprese:
– eGovernment
– eLearning
– eHealth
– eBusiness

2. Internet per tutti, più veloce e più sicuro:
– banda larga
– sicurezza
– eInclusion

3. Attuazione:
– analisi comparativa
– scambio di buone pratiche

I
l documento di revisione, basandosi sui risultati di una consultazione pubblica, fa il punto sull'attuazione di ognuno di questi capitoli e fissa le attività da sviluppare. Per la gran parte, gli obiettivi fissati restano validi, e i risultati raggiunti sono incoraggianti. Resta tuttavia un punto critico la capacità di usufruire dei servizi innovativi, in particolare da parte dei cittadini e delle PMI, e pertanto è necessario continuare a concentrarsi su questo aspetto, sul lato “della domanda”, perché i servizi e le innovazioni si traducano in miglioramenti in termini di produttività e occupazione e in vantaggi per i cittadini.

Testo del documento – versione inglese (file .pdf)