Sul sito dell’iniziativa #connettitiresponsabilmente D-Link  ha analizzato, da inizio anno, circa due milioni di commenti online riferiti alla politica: il 38% dei quali negativi, solo l’11 positivi. Di questi commenti circa 135 mila contenevano insulti e volgarità, circa 19 mila contenevano messaggi violenti, e circa 15 mila che contenevano minacce e auguri di morte.

La buona notizia è che la maggior parte dei commenti negativi non è necessariamente violenta, la cattiva notizia che i social fotografano comunque una insoddisfazione di fondo solo 11% di commenti positivi è davvero poco…

I contenuti sul sito connettitiresponsabilmente.it  sono utili e interessanti, competi di una bella infografica che può essere un ottimo spunto per affrontare in classe sia il tema della politica che la violenza dei commenti sui social.

Mattia Feltri su La Stampa aggiunge “terribile effetto collaterale, ci sono in giro 15 mila persone che si sentono Borsellino e scrivono «non ho paura, non mi chiuderete la bocca»”.

Qualche tempo fa il DJ Albertino aveva spiegato scherzosamente per radio il profilo dei rappers americani: “I rapper sono dei cantanti che, una volta, andavano in giro alle feste a spararsi, ora non si sparano più ma si insultano sui social network“.

Che sia una sorta di evoluzione anche questa?

 

Elezioni 2018: l’insulto corre online

#CONNETTITIRESPONSABILMENTE

 

Approfondimento di Mattia Feltri:  www.lastampa.it/2018/02/16/cultura/opinioni/buongiorno/non-fate-lamore-DDOZF0beEXafOfZbmdz1DI/pagina.html

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>