Dal videogioco alla navigazione web. È questo il passaggio che c’è dietro il progetto Ubrowser, l’idea di un gruppo di sviluppatori della Linden Lab, l’azienda californiana che ha realizzato uno dei videogame più famosi al mondo: Second Life. I cui giocatori creano un avatar digitale per condurre una vita parallela fatta di un nuovo corpo, di una nuova condizione sociale e di nuove relazioni. Il tutto in tre dimensioni.

Pubblicato martedì 5 dicembre 2006  su

[lib align=left type=image]http://www.dschola.it/images/library/galileo.gif[/lib]

Leggi tutto l’articolo