Usare Scratch per un laboratorio di scienze

di Giovanni Mastropaolo

Il progetto “Satelliti e orbite”

Per molti non è una novità, ma, servirsi di Scratch per “fare esperimenti” come se ci si trovasse in un laboratorio, può essere interessante e coinvolgente soprattutto quando si toccano argomenti complessi.

Sappiamo anche che sperimentare è il miglior modo che ci sia per apprendere in quanto ci rende capaci di osservare, descrivere, provare, sbagliare, raccontare …

Per questo motivo, anni fa, durante un percorso formativo in un istituto tecnico, la docente di scienze mi chiese di usare Scratch per illustrare il moto orbitale della Terra intorno al Sole e ricavare elementi per descriverne le caratteristiche.

Leggi tutto “Usare Scratch per un laboratorio di scienze”

Call for Entry: 14° edizione del Premio MEDEA

E’ aperta la 14* edizione del concorso annuale internazionale del Premio MEDEA a cura della Media & Learning Association per sostenere l’uso dei media nell’educazione a tutti i livelli.

Sono apprezzate candidature che dimostrino un uso eccezionale del multimedia in un contesto di apprendimento, inclusi video, audio, simulazioni, app AR/VR/XR, podcast, vlog, animazioni e qualsiasi altro uso eccellente del multimedia educativo.

Leggi tutto “Call for Entry: 14° edizione del Premio MEDEA”

Luca Mercalli ad “ITINERA – Gli incontri della conoscenza“ all’IIS Alfieri di Asti

Continuano gli appuntamenti del palinsesto “ITINERA – Gli incontri della conoscenza“, organizzati da IIS “Alfieri” – Asti nell’ambito della rete #DigitalBiblioAgorà.

La prima serie, 1922 – 2022: a cento anni dalla Marcia su Roma, un percorso di carattere storico sull’origine, evoluzione, organizzazione e manifestazioni del fascismo e della sua organizzazione, fino alla permanenza dei nostri giorni.

La seconda serie di appuntamenti, di argomento più eterogeneo, è iniziato nel mese di Novembre 2021 con la lezione smart di Eric Gobetti sul tema delle foibe e del confine orientale; a seguire altri incontri su temi ambientali (Luca Mercalli), temi di classicità (Maurizio Bettini e Giulio Guidorizzi), temi sul volontariato (Ernesto Olivero) e su altri argomenti, che verranno via via comunicati.

Mercoledì 19 gennaio 2022, dalle ore 10 alle ore 12, sarà la volta di Luca Mercalli con con il suo intervento on-line “Mutazioni climatiche e loro conseguenze

LINK al PALINSTESTO completo in continuo aggiornamento.

LINK al FORM on-line per iscrizioni agli eventi

#HackCultura2022 – l’hackathon delle studentesse e degli studenti per la “titolarità culturale”

Al via la quarta edizione di #HackCultura, l’Hackathon finalizzato allo sviluppo di progetti digitali da parte delle studentesse e degli studenti delle scuole italiane. L’obiettivo dell’iniziativa (promossa da DiCultHer, Indire, Iccu, Cultura Italiae, Pa Social, Stati generali delle donne, Associazione Civita, Media2000, Pec, Koor) è quello di favorire nei giovani, in un’ottica di ‘titolarità culturale’, la conoscenza e la responsabilizzazione rispetto al patrimonio nazionale..

#HackCultura2022 è l’Hackathon finalizzato allo sviluppo di progetti digitali da parte delle studentesse e degli studenti per favorire nei giovani, in un’ottica di ‘titolarità culturale’, la conoscenza e la “presa in carico” del proprio patrimonio culturale.

Leggi tutto “#HackCultura2022 – l’hackathon delle studentesse e degli studenti per la “titolarità culturale””

Arriva Italian Coding Festival 2022!!

Dopo otto edizioni di Italian Scratch Festival e due anni di pausa forzata, si ampliano gli strumenti a disposizione per la realizzazione dei progetti che includeranno oltre a Scratch, anche App Inventor.

Obiettivo dell’evento è incentivare l’insegnamento e l’apprendimento dell’Informatica avvicinando in modo creativo al coding gli studenti della scuola primaria, della secondaria di primo e secondo grado.

Italian Coding Festival è dedicato a Scratch e App Inventor strumenti software creati dal MIT di Boston (Usa) ideali per creare semplici programmi, giochi, app e favorire la creatività digitale.

La partecipazione al Festival è gratuita ed è aperta a:

  • progetti sviluppati in Scratch dagli studenti della scuola primaria (classi terza, quarta e quinta) e della secondaria di primo grado
  • app sviluppate con App Inventor dagli studenti del biennio della scuola secondaria di secondo grado.

Il tema di quest’anno sarà ancora uno degli obiettivi dell’Agenda 2030, e precisamente, l’Obiettivo 12 – Consumo e produzione responsabili.

Per iscriversi al concorso occorre leggere attentamente il regolamento e iscriversi entro il 21 febbraio 2022 attraverso il form on line sul sito (disponibile da gennaio 2022) indicando il docente referente di istituto.

I progetti delle scuole partecipanti all’Italian Coding Festival dovranno essere pubblicati dal referente di Istituto entro il 21 marzo 2022 secondo le indicazioni che verranno comunicate in seguito.

Una giuria di esperti sceglierà i progetti sviluppati con Scratch e con App Inventor: i finalisti saranno invitati a parteciperanno ala cerimonia di premiazione il giorno  9 aprile 2022 alla Torino Maker Faire, dove verranno assegnati i premi ai primi 3 classificati della scuola primaria, della scuola secondaria di primo grado e del biennio della secondaria di secondo grado. In caso di forza maggiore, la premiazione avverrà online.

Vi invitiamo a partecipare numerosi inviando i progetti e le app ludico-educative più significative ed originali sviluppate in Scratch ed App Inventor prodotte dai vostri studenti. E che vinca il migliore!

CODEFEST 2021: festival e mostra del codice sorgente, il linguaggio dei nostri device

Ogni aspetto della nostra vita – che siamo insegnanti o studenti, anziani o bambini, al lavoro, a casa o a divertirci – è legato a strumenti digitali. Siamo immersi costantemente in un ambiente che mescola oggetti fisici e rappresentazioni virtuali, ma della parte digitale spesso ignoriamo tutto: non sappiamo come funziona, chi l’ha costruita, per quali scopi. Non sappiamo vedere al di là degli schermi e non sappiamo che l’anima che permette tutto questo è una sola: il programma, anzi il codice sorgente. Niente altro che un testo, ma un testo potente, come un contratto o una legge. Un testo che modifica il mondo. Un testo scritto da persone speciali, i programmatori, in qualche linguaggio speciale. Ormai i linguaggi di programmazione che fanno funzionare il nostro mondo sono 8 mila contro le 7 mila lingue conosciute al mondo. Meritano, quindi, una riflessione linguistica, letteraria, culturale.

Il Festival della cultura del codice sorgente, della sua storia, del suo futuro

Si svolgerà fra il 27 settembre e l’8 ottobre 2021 il CodeFest, primo Festival al mondo dedicato al Codice Sorgente. Per la prima volta al centro dei riflettori c’è quello che fa funzionare il digitale. Il Festival è rivolto a studenti, docenti, studiosi, sviluppatori e imprenditori, hackers, musicisti, artisti, ma anche al pubblico generale, ad appassionati e curiosi, insomma a chiunque voglia andare oltre il sipario.
Il Festival è organizzato dall’Università di Torino (Dipartimento capofila: Filosofia e Scienze dell’Educazione, con la collaborazione dei Dipartimenti di Fisica e Informatica) insieme con l’Associazione Codexpo.org ed è un evento aperto a tutti; quello che avviene durante il Festival è accessibile online agli utenti registrati tramite il sito web.
Ogni pomeriggio si alterneranno incontri con esperti di tutto il mondo, concerti ispirati al codice sorgente (Maestro Campogrande) o programmati in tempo reale, esperienze di calligrafia che riscrive teoremi (Polello), spettacoli teatrali (Hello Ada su Ada Byron), attività ed esperienze aperte a tutti, laboratori, seminari e incontri sulla storia, la scrittura, la lettura del codice sorgente.

La prima Mostra al mondo del codice sorgente come fenomeno linguistico, letterario, artistico

Durante il Festival verranno inaugurati il primo Museo e la prima Mostra del codice sorgente come fenomeno linguistico, letterario, artistico. La Mostra, in dieci sale tematiche, visitabile online, ha come obiettivo la diffusione della cultura della programmazione ed è rivolta a tutti, agli allievi delle scuole secondarie e ai loro docenti, agli esperti, ai programmatori, al mondo universitario, alle famiglie e a agli interessati all’argomento.
L’Associazione Codexpo.org, promotrice dell’iniziativa, ha scelto di realizzarla insieme agli studenti di una classe quarta dell’I.I.S. «Avogadro» di Torino nell’ambito dei percorsi PCTO (ex alternanza scuola-lavoro) con lo scopo di approfondire la cultura e quindi la cittadinanza digitale. Una decina di ragazzi hanno lavorato alla preparazione delle varie sale che saranno da loro stessi presentate, il 5 ottobre alle ore 18,30, a compagni, docenti, genitori, alle scuole, ma anche a tutti i curiosi esperti o no.

Il valore formativo e didattico di questa esperienza concreta in cui gli allievi sono protagonisti attivi e che resterà visibile a tutti online è una delle scelte che la Associazione ha fatto, anche nella ottica e con l’invito a proseguire ad arricchire ed allestire nuove stanze, oggetto di riflessioni e di lavoro, rivolto alle classi degli istituti superiori di tutta Italia.

Inclusione sociale a scuola: il workshop del progetto PLEIADE

La diversità culturale, linguistica e socioeconomica nelle popolazioni scolastiche rende necessario fornire agli insegnanti un adeguato supporto per l’adozione di pratiche educative inclusive.
Il Progetto Erasmus+ denominato “PLayful Environment for Inclusive leArning Design in Europe” PLEIADE intende affrontare questo nuovo scenario partendo dall’assunto che la collaborazione tra studenti può essere attentamente orchestrata per sostenere dinamiche e atteggiamenti inclusivi in classe.
Per discutere di questi temi il progetto PLEIADE ha organizzato il 23 giugno 2021 dalle 15 alle 18 un workshop come evento satellite della conferenza SLERD 2021 6th conference on Smart Learning Ecosystems and Regional Development.

Il workshop vedrà la partecipazione di diversi esperti in apprendimento collaborativo, politiche di inclusione scolastica, progettazione dell’apprendimento, gamification, Technology Enhanced Learning, la formazione degli insegnanti e lo sviluppo professionale continuo per discutere come gli insegnanti possano avvalersi di ecosistemi di apprendimento intelligenti per migliorare i processi inclusivi nelle loro classi. Questo evento si rivolge a educatori, ricercatori, formatori di insegnanti, politici e chiunque sia interessato a promuovere l’equità e l’inclusione dei bambini socialmente, culturalmente ed economicamente svantaggiati.

Leggi tutto “Inclusione sociale a scuola: il workshop del progetto PLEIADE”

Hackathons Eu Code Week 7-8 maggio: i Creativi conquistano il podio

Di Stefano Mercurio

Nelle giornate del 7 e 8 maggio si è svolta la preselezione nazionale italiana per l’hackathon nella settimana della programmazione europea. In concomitanza i paesi partecipanti europei sono: Grecia, Lettonia, Irlanda, Italia, Romania e Slovenia. La prima fase per i concorrenti italiani è stata una maratona informatica lunga 24 ore, nelle giornate fra il 7 e 8 maggio 2021 e a cui hanno partecipato moltissime squadre di ragazzi compresi fra 14 e 19 anni.
Solo 10 squadre sono state selezionate per partecipare alla competizione di 12 ore che si terrà ad Urbino tra il 24 e il 25 settembre. In questa seconda fase, le squadre gareggeranno per aggiudicarsi il titolo di migliori giovani hacker della nostra nazione con la possibilità di vincere premi come fantastiche apparecchiature I.T.

Leggi tutto “Hackathons Eu Code Week 7-8 maggio: i Creativi conquistano il podio”

Scratch4Disability al CodeWeek Teach Day

Teach Day 22 maggio ore 9.30

Si svolgerà il 22 maggio 2021, l’EU Code Week dedicato a tutti gli insegnanti di tutte le materie e livelli di scuole. L’evento online è dedicato al coding e agli aspetti correlati alla creatività digitale e altri argomenti a cui parteciperanno relatori ispirati, tra cui decisori, sviluppatori, esperti di istruzione e appassionati.

Fra i relatori, il prof. Alberto Barbero che parlerà del progetto Scratch4Disability in un panel intitolato “Diversity in coding”. Scratch4Disability (S4D) è un progetto avviato dall’Associazione Dschola, con un’iniziativa di ricerca-azione che ha visto la formazione in presenza di insegnanti di sostegno. Nello specifico il progetto è proseguito all’Istituto Vallauri ed è stato selezionato dal progetto Multinclude come buona pratica di inclusione didattica.

Durante il #TeachDay sarò possibile partecipare a workshop pratici e interattivi. Il programma è disponibile qui

L’evento è gratuito ma è necessario iscriversi conviene affrettarsi perché alcuni workshop hanno già esaurito i posti disponibili.

Perché insegnare l’informatica come materia scientifica a scuola

Segnaliamo il Seminario

PERCHÉ INSEGNARE L’INFORMATICA COME DISCIPLINA SCIENTIFICA NELLA SCUOLA

L’informatica è la disciplina scientifica alla base degli aspetti digitali dell’odierna società. La conoscenza dei concetti fondamentali dell’informatica è sempre più riconosciuta come un requisito necessario per la moderna istruzione. L’obiettivo, infatti, è preparare cittadini informati e in grado di decidere a ragion veduta sulle complesse questioni che le tecnologie digitali pongono alla nostra società. Nel mio intervento discuto perché i principi scientifici dell’Informatica le conferiscono un ruolo peculiare tra le scienze e quali sono i vantaggi ottenuti dalla sua introduzione nelle scuole.

Leggi tutto “Perché insegnare l’informatica come materia scientifica a scuola”