Arrivano i nuovi schermi visibili alla luce del sole

Si sta finalmente diffondendo l’anello di congiunzione tra gli schermi ad inchiostro elettronico, diffusi sugli ebook reader, e i tradizionali schermi LCD retroilluminati presenti su computer e tablet.

In realtà il confine non è mai stato netto, già il computer OLPC XO,  il computer del progetto One Laptop Per Child di Nicholas Negroponte,  che ha dato il via all’idea di PC economico aprendo la strada per i Netbook aveva infatti uno schermo LCD molto innovativo che offriva una risoluzione simile agli ebook reader e che era visibile a colori con retroilluminazione e in bianco e nero alla luce del sole.

Gli schermi LCD tradizionali offrono, infatti, colori brillanti e immagini luminose ma patiscono i riflessi e non si vedono bene all’aperto. Gli schermi a inchiostro elettronico, invece, non sono illuminati, genralmente sono in bianco e nero ma hanno una risoluzione elevata e si vedono bene sotto il sole.

Ora l’azienda Pixel QI, produttrice del display per l’OLPC, torna alla ribalta con nuovi schermi che garantiscono immagini brillanti anche sotto il sole e basso consumo. Ma non è l’unica: anche la Samsung ha in produzione nuovi netbook dotati di un particolare schermo antiriflesso visibile sotto la luce del sole.

Nel video Mary Lou Jepsen, fondatrice di Pixel QI, presenta un tablet con il suo nuovo schermo e lo confronta con un i Pad

http://liliputing.com/2011/05/pixel-qi-introduces-10-inch-1280-x-800-pixel-sunlight-viewable-displays.html

La fondatrice della Pixel QI affermava, già 2 anni fa, che lo schermo corrisponde all’80% del computer. La diffusione dei tablet gli ha dato ampiamente ragione, ora vedremo se “gli schermi” sono pronti per il tempo libero e l’aria aperta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.