Realizzare un wireless campus in una scuola non è mai stato così facile ed economico, basta affidarsi ad Access Point “Ad alto affollamento” in grado di reggere un carico simultaneo di almeno 100 utenti su ciascun dispositivo e chiedere che siano dotati di un software di management gratuito e senza limite di utenti.

Oggi gli Access Point ad alto affollamento costano decisamente poco: 80 euro per il modello N e 150 euro per il modello AC Pro, qualsiasi modello da ufficio ci costa almeno 100 euro in più. Quindi davvero un buon momento per aggiornare la copertura wireless.

In questo modo ci basterà montare un Access Point ogni due/tre classi per avere una copertura ottimale in grado di reggere tutti i dispositivi portatili di docenti e studenti. Installando il software di management su un PC dedicato allo scopo saremo in grado di configurare tutta la rete wireless di un unico plesso o anche di più plessi da una semplice interfaccia web.

Quello che bisogna invece assolutamente evitare sono i prodotti da ufficio: gli Access Point da ufficio, anche se molto cari, non sono in grado di reggere quasi mai più di 20 terminali connessi, quindi neanche una classe!!! Un investimento con l’Access Point sbagliato potrebbe funzionare male anche solo per le LIM o per il Registro elettronico (il 25% delle scuole Piemontesi potrebbe aver commesso questo errore!). Quindi, per spendere bene i soldi pubblici e per portarci a scuola qualcosa di funzionante, puntiamo subito sul dispositivo giusto e realizziamo un Wireless Campus.

Su www.associazionedschola.it/adp/download/docs trovate un esempio di capitolato per il bando reti PON pronto per l’uso e una relazione per un istituto comprensivo con i consigli Dschola per la sistemazione dei cablaggi e dei laboratori.

Una volta realizzato il Wireless Campus tutti gli ambienti della scuola diventeranno ambienti di apprendimento: le classi, il giardino, l’auditorium, i vecchi laboratori abbandonati tutto tornerà magicamente utilizzabile grazie al wireless e ai tablet degli studenti. (azione #6 del PNSD – BYOD)

Condividiamo le idee, i progetti e confrontiamoci mediante i commenti on-line.

  1. Quali potrebbero essere i motivi per preferire un fire wall a pagamento (900,00 € subito e 500 annuali) rispetto ad Asso Dischola?

    • In teoria un sistema di fitro a pagamento dovrebbe essere decisamente più accurato anche se, in molti casi, abbiamo verificato che non è così perché chi lo configura commette errori e leggerezze che rendono il filtro o troppo restrittivo tanto da non essere utilizzabile o blando e facilmente aggirabile. In molti casi i filtri a pagamento prevedono una password per poter navigare senza protezione da dare ai docenti, questa è una opzione da evitare assolutamente, non è educativo.

      In pratica il filtro a pagamento corrisponde ad uno scarico di responsabilità, nel senso che in caso di incidente la responsabilità può, almeno in teoria, ricadere su chi gestiva il filtro a pagamento e non sul DS.

  2. Non trovo la bozza del capitolato per le reti Wireless di cui ho sentito parlare agli incontri, mi potete indicare dove trovarla? grazie

  3. Nella mia scuola sono stati installati degli Access Point “Wireless Campus” e io dovrei testarne il funzionamento prima che ricomincino le lezioni (quindi a scuola vuota, senza utenti che si connettano contemporaneamente). Mi potreste consigliare qualche app adatta al caso e suggerire i parametri a cui fare piú attenzione? Grazie, ciao.

Leave a Reply to Sabrina Cancel Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *