La connessione ad Internet delle scuole è nei primi punti delle azioni previste dal PNSD proprio perché da una buona linea internet dipendono tutte le attività didattiche che possiamo fare in rete e la realizzazione stessa del BYOD che è un altro punto fondamentale di azione del PNSD. Oggi avere una buona connessione può essere davvero economico e conveniente.

La situazione non è mai stata così favorevole: le nuovissime linee FTTC (fibra nel cabinet, non nell’edificio!) si stanno rapidamente diffondendo e possono portarci nelle scuole linee da 30, 50 e anche 100 megabit al secondo ad un costo che varia dai 20 ai 50 euro al mese. Una linea equivalente solo pochi anni fa ci poteva costare più 300 euro al mese!

Il problema è però come fare ad accedere a queste linee nuove (che si chiamano Smart-Fibra o Super Fibra) senza finire di nuovo collegati alle vecchie linee che esistono ancora e che sono tanto lente quanto care. Molte scuole neppure sanno di essere già state raggiunte dal servizio e stanno spendendo una fortuna (o la spende il Comune) per linee vecchie, lente e obsolete.

Ecco alcuni trucchi del mestiere:

  1. Verificare per conto proprio la copertura per ogni plesso su www.tim.it/verifica-copertura, www.impresasemplice.it/verifica-copertura, www.vodafone.it/portal/Privati/Tariffe-e-Prodotti/Fibra–ADSL-e-Telefono/fibra
  2. Se scoprite che nel vostro territorio è disponibile una smart fibra o anche solo una buona ADSL a prezzi convenienti  chiamare direttamente il 191 (o il call center equivalente di vodafone o fastweb) e chiedere una nuova linea ADSL o Smart Fibra primo prezzo (per intenderci quelle in offerta da 20 o 30 euro al mese) niente voip, niente televisione, ecc… l’offerta base va benissimo. Non chiedete nessun appuntamento altrimenti il commerciale che arriva vi rivende la linea vecchia!!!!
  3. Dare all’operatore online un numero di telefono attualmente non collegato ad internet (esempio il numero del fax). nel giro di pochi giorni arriverà un omino a montare una nuova linea e un nuovo router. La nuova linea sicuramente vi stupirà ed avrà prestazioni inimmaginabili.
  4. Non chiedere mai l’aggiornamento di una linea che non funziona: posso cambiare 100 operatori ma se la linea attuale va a 2 megabit andrà sempre a 2 megabit con qualsiasi altro operatore. Bisogna chiedere nuove linee con la linea vecchia ancora attiva!!!!!!!!!
  5. Se il gioco ha funzionato, date disdetta alla vecchia linea ed eventualmente chiedete altre linee nuove per ogni plesso o dove vi serve più velocità. Esistono in commercio dei router in grado di aggregare fino a 4 ADSL.
  6. Importantissimo: non chiedere mai un appuntamento con un brocker/rappresentante delle compagnie telefoniche!!! I rappresentanti delle compagnie, così come i contratti in convenzione su consip non sembrano avere accesso alle nuove linee smart fibra e agli apparati più moderni in centrale; ma sono in grado soltanto di attivare vecchie linee fuori mercato con prezzi riservati a grandi aziende e P.A. che risultano essere del 200% più cari delle offerte rivolte alle utenze domestiche e piccoli professionisti!!!!

Parliamo quindi di come migliorare le connessioni internet delle scuole spendendo magari 1/3 di quello che spendiamo oggi, condividiamo le idee e confrontiamoci mediante i commenti on-line.

  1. Anch’io vorrei avere più info. Ci si chiede di organizzare corsi. Ma nesssun 1000 euro a quanto io sappia è arrivato alle scuole. Quindi come ci comportiamo? Effettuiamo corsi a titolo gratuito?

  2. In attesa di attestato del corso di animatore digitale frequentato al Majorana (marzo-giugno), il dirigente mi ha iscritta ad un corso “snodo” al Darwin (pon ambienti digitali). MI chiedo se sia obbligatorio/necessario o se non sia meglio concentrarci sull’organizazione dei corsi interni per docenti e staff…
    NOn riesco a capire il piano generale

    • Foto del profilo di Dario Zucchini

      Gli attestati arriveranno presto,
      purtroppo il piano generale non esiste: a livello regionale non c’è stato nessun coordinamento tra gli snodi formativi e la formazione degli AD che invece era coordinata a livello regionale da Dschola.
      Gli snodi vanno ognuno per conto suo e, quindi, ripetere lo stesso corso in uno snodo formativo non ha senso, se gli argomenti sono rimasti gli stessi non è il caso di partecipare.
      Utile invece fare partecipare agli snodi formativi altre persone in modo da allargare il team.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *